News.Storia.Tradizioni

Indovinello.....Int’ ‘a l’uorto nce stà na cosa tonna ca tene li pili comm’a na cionna.(La cipolla)

POESIE DI UN MONTEFALCIONESE

I quattro fotogrammi che vengono pubblicati fanno parte dei ricordi di un nostro concittadino emigrato al nord Italia negli anni seguenti il dopoguerra. Noviello Impero, classe 1938, vive a Torino da oltre cinquantanni ha lavorato in FIAT ed oggi da pensionato lascia che nella sua mente  affiorino i ricordi del suo paese nativo, i luoghi, le strade della sua prima giovinezza.Questi suoi pensieri servono oggi a noi a conoscere uno spaccato di vita paesana di tanti anni addietro 

 

 

A fondana profico

Mo vao,

vuoi venì ?

a bere abbascio

a fondana profico,

a do stà I,acqtja fresca,

arrivati là

c,assettammo pè terra

goppa I,ereva

pé sende l,acqua

che scorre

rindo a na vasca

fatta de piscuni veigghi

e ruicento anni

e a sapé che quà

nei tìembi antichi

e guagliotte veneano

a lavà i panni spuorchia

rindo stà acqua,

fratiello mio, comme

vinivano puliti stì panni,

si stendeva a o sole caoro,

e guagliotte rerevano

e pazziavano con i guagliuni

e lì panni s_asciugavano,

n,avota asciugati

si mettevano rindo i cisti,

con n,ò maccaturo gapo

sene ievano a o paese,

o sole calava

feneva a iornata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I PIESCHI

T,aggíà rice

nà còsa vagliò

da tené

strettà, strettà,

à sapè

che sò n,nàto

n,coppà i pieschi

rintò a nà càsa

nànzi nà salita

che i tràini

facevano fatica

a salì

pé a pàrte n, coppa.

Ma io piccirillo

rérévo a veré

còmme i trainieri

alluccàvano

e i cavalli

si sforzàvano

pé i nànzi

mentre mamma mia

mè teneva

n,coppa o barcone

é vascio.

Che bella cosa

era tanno

mò è tutta

nata cosa.

A casa vecchia

c,è angòra

e dinda a

salita dei pieschi

e macchine

e i cammmion

vanno n,anzi

e a rèto

senza faticà

ma ò piccirillo

non c,é stà

chìù.

Montefaucione

Chiusano rice a montefaucione

ma ruormi sempe

co stò faucíone mmano

non te nè accuorgi

che giovinottì e signurinelle

vanno lontano da tè

a cercà nò posto

e faticà per I,avvenire,

e a tè rimangono

solo viegghi e creaturelle

paesà datti da fà

non dormi

scetati e crea

l'occupazione

senò da tè

non rimane chiù nisciuno.

Non viri chiù

ì vaglìuni e

le vaglîotte

a passíà da

la chiazza a

bascio o monastero.

Nanzi o barre e

pachitíello

sopra e seggie

non si assetta

chiù nisciùno.

Scetati e dà o posto

per faticà

cussi viri

tanta gende

che bà

da s. antonio.

Abbascio e via

r l,innàmmorati

sì stringono e

fanno I,ammóre.

A jurnata

passa chìú conte

sia che è víerno

che estate

O PAESE MIO

Tu assettato

goppa a nà

montagna

che sembra

nò faocione,

si ò sibbolo

rà fatica,

rò pane,

rà ricchezza.

A gente toa

se rà da fà

con tanda cuscienza.

Tu come

crono,

langi la

semenza rè

Montefaocione

pè tutte e parte

rò munno.

Rindo a te

c'è stano

tutte e chiù grosse

città rè stà terra.

Tutti l'anguli

rò munno

i cristiani tui

se fanno onore,

ranno benessere,

sò amati,

sò rispettat.

Tu sei sebbe stato

largo e manica

rà a matina

a sera.

Enotte toie sò doce

rindo o cielo

stellato.

Tutto l'universo

te ole vasà.

Si sebbe bello,

te voglio bene

pure se sto

londano da te.

Pin It

DELIBEREDETERMINEORDINANZE

EVENTI E MANIFESTAZIONI

EVENTI E MANIFESTAZIONI

meteo montefalcione

METEO MONTEFALCIONE

 

Compro Vendo Affitto

compro

CHI SIAMO

1 stemma 10 p