Proverbio "Popolare"
'O puorco pe fa 'e bene, more acciso (il maiale per fare del bene, muore ammazzato)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Stemmi comuni irpini ANDRETTA

ANDRETTA

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

ANDRETTA

andrettaGonfalone e stemma

II comune ha un proprio gonfalone e un proprio stemma, che rappresenta un leone rampante su ramo d'ulivo, il regolamento disciplina l'uso del gonfalone e dello stemma, nonché i casi di concessione in uso dello stemma ad Enti od associazioni, operanti nel territorio comunale e le relative modalità. L'uso e la riproduzione sono consentiti esclusivamente previa autorizzazione del Sindaco.

Delibera

 

Approvazione dello statuto del Comune di Andretta delibera n. 36-37-38 del 13/6/91-19/6/91-24/6/91, integrata con delibera del Consiglio comunale n. 39 del 1/7/91 resa esecutiva dal CO.RE.CO. di Avellino in data 16/7/91.

 

ANDRETTA

ab. 2828 andrettesi              850 m s/l/m                            73 Km da Avellino

     P.T. 0827                              C.AP. 83040                          sup, com. 43,61 Kmq

STEMMA E GONFALONE:

 

Il presidente, informa che questo Comune, ha sempre avuto uno stemma, rappresentato da un leone rampante  ma negli atti del Comune non è stato mai rinvenuto il decreto, di riconoscimento da parte della Consulta  Araldica, per cui è da ritenersi che non sia mai esistito.

Allo scopo di facilitare il compito per lo svolgimento della relativa pratica egli, con il consenso della Giunta, si rivolse allo studio araldico di Genova, il quale predisporre gli atti ed ha fatto tenere anche il bozzetto dello stemma disegnato su foglio di carta. E' necessario, ora, che il Consiglio deliberi l'approvazione dello stemma in parola per completare gli atti da inviare a S.E.

il, Presidente, il Consiglio dei Ministri, onde ottenere il decreto di riconoscimento ufficiale

II Consiglio Inteso quanto ha esposto il Presidente. Ad unanimità dì voti, resi per alzata di mano

 

DELIBERA:

Approvarsi lo stemma di questa Comune rappresentato da un leone rampante da destra a sinistra su un ramo ricurvo d'alloro. In campo azzurro. Circondato a destra da un ramoscello di quercia ed a sinistra da un ramoscello d'alloro che s'innesta con il primo, ed il tutto sormontato da una corona turrita.

Del che di è redatto il presente verbale che previa lettura e conferma è sottoscritto come per legge N.- 9 del 24/07/1957

CENNI STORICI:

La sua origine rimonta fanno 555 dC. quando i Catalensi, della forte e popolosa Coriza, corse ad aiutare la città d'origine minacciata dai Goti si affermo durante la dominazione longobarda. e sotto i Normanni divenne feudo dei Folleville dipendenti dai Balbano di Conza.

Nel 1178 Fromondo Folleville, signore d'Andretta, donò ai monaci di Montevergine un territorio nel sito detto vaccarecce- Nel 1269 il feudo passò a Giovanni Gagliardi, insieme alle terre di S. Angelo dei Lombardi, per ordine di Carlo I d'Angi. Altri feudatari furono i (Gianvilla, nel 1413 gli Zurlo, nel 1426 i Caracciolo, nel 1584 i Pignatelli e nel 1630 gl'Imperiale.

La Chiesa madre, in barocco, rimonta al 1747. Nei dintorni sorge (antico convento della Stella  Mattutina. Nel territorio d'Andretta si trova una sorgente d'acqua ferruginosa.

 

Ultimo aggiornamento (Giovedi 21 Aprile 2011 16:13)