Indovinello "Popolare"
Ce stanno ciento frati, ca pisciano uno nculo a l’ato.
(I tetti)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Stemmi comuni irpini AIELLO del SABATO

AIELLO del SABATO

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

AIELLO del SABATO

aiellodelsabatoStemma e gonfalone:

Il Comune di Aiello del Sabato è costituito dalle comunità delle popolazioni e dai territori del Capoluogo e delle frazioni di Tavernola S Felice e Sabina. II palazzo civico, sede comunale, e ubicato nel Capoluogo, Aiello del Sabato, alla via Mancini. II Comune ha un proprio Stemma ed un proprio Gonfalone, adattati con deliberazione del Consiglio comunale. II territorio del Comune si estende per kmq. 70,83 e confina con quello dei comuni di Avellino, Contrada, Solofra, Serino. S. Michele di Serino, Cesinali ed Atripalda.

Delibera:

II Consiglio Comunale può, con propria deliberazione, concedere in uso lo stemma ad enti ed associazioni.

Approvazione dello Statuto del Comune di Aiello del Sabato delibera n° 53

del 14-10-91. integrata con delibera       del Consiglio comunale n° 57 del

28/10/91, resa esecutiva dal CO.RE.CO. di Avellino in data 18/11/91.

           

COMUNE DI AIELLO DEL SABATO

ARMA: Pannello policrome a intarsio - Sfondo bicolore diviso da una fascia bianca con la scritta UNIVERSITAS AIELLI.

Dal suo centro spicca un tricolore avente la punta massima d'altezza M.680 - Da questa si eleva maestosa una secolare quercia "Orografici nel paese"-simbolo di gente di tempra forte e resistente (M.T.Varrone.) Il piano .inferiore della fascia rappresenta il terreno fertile e quello superiore le messi dorate

(I) L'Arma di forma ovale é circoscritta da una cornice geometrica con ,foglie di acanto.

(2) Culmina con la corona a cinque punte. (Rilevato, da un pannello del 1700).

 

(DESCRIZIONE DELLO STEMMA DI AIELLO DEL SABATO).

 

PRINCIPI GENERALI E CENNI STORICII:

Aiello composto dai centri abitati dì Sabina e Tavemole San Felice. Anche se a causa dì ritrovamenti archeologici è da ritenere che la zona sicuramente abitata in epoca arcaica, notizie storiche più o meno cene si sono avute soltanto in età alta medioevale.

Le vicende storiche dei tre centri abitati s'intrecciano tra loro e seguono nel corso dei secoli quelli dei feudatari vicino Atripalda Ultimi feudatari d'Aiello, furono gli Orsini, ed i nobili Caracciolo

L'agricoltura e la pendolarità ha le risorse di questo paese, oltre ad una forte emigrazione- che contribuisce con le rimesse inviate dagli emigranti ai familiari ad alimentare l'economia del posto.

Santo Patrono è S Sebastiano, che è festeggiato ogni anno il 20 gennaio. Per il terremoto il paese ha avuto danni, soprattutto alle case del vecchio centro, bei portali gotici e finestre coeve sono conservati e fanno una mostra nelle abitazioni di tavernole, mentre sono anche da vedere per l'occasionale turista alcuni dipinti seicenteschi opera del Guarino, che trovandosi nella Chiesa Parrocchiale, la stessa, cosa affrancata da un'imponente torre campanaria, altro monumento artistico storico che può vantare il paese.

Il rio d'Aiello, che anche solca gli estesi boschi di castagni, rendendo una civettuola e interessante il sito per escursioni e passeggiate ecologiche, specie per gli abitanti che risiedono nella limitrofa Avellino. II Comune d'Aiello del Sabato è Ente autonomo locale nell'ambito dei principi fissati dalle leggi generali della Repubblica e del presente Statuto.

 

Ultimo aggiornamento (Giovedi 21 Aprile 2011 16:13)