Canto  "Popolare"

Lo nnammorato mio se chiama Peppo: è lo megghio iocatore co le carte.
S’è già ghiocato la sòla re le scarpe, appriesso se ioca puro la mogghiere.


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Personaggi di Montefalcione Me ciange o core

Me ciange o core

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

ME CIANGE O CORE

 

Paisiello mio triste e abbandonato quanta allegria ci hai rato pe lo passato.

Riesti sembe là ncoppa a lo monte, moribondo, pure d'austo che te sbatte o sole nfrònte.

Sò pe sembe finuti i viecchi tiempi quanno se cacciaveno a cauci i fitienti;

li nonni nuosti, pe non portà le corne nfronte aspettaveno li cannitisi abbascio a lo ponte.

Na vota, se parlava in dialetto ma se portava a tutti stima e rispetto,

mo che se parla quasi italiano non truovi nisciuno che te rà na mano.

Songo dui 1'orologi , se non so guati, abbascio sona l'ora, ncoppa i quarti.

Sò tante le campane a sonà in coro però soneno sulo quanno o vonno loro.

Mente stao nanzi a lo bar appoggiato a la votte vero li Santi camminà re notte.

Li muorti se portaveno co la banda e lo sassofono mo l'accompagneno li picuozzi co lo microfono.

Eremo povirielli ma ricchi assai, se sò frecato tutto e tu lo sai.

Tiniemmo no tesoro e sagge usanze tutte le stamo perdenno senza speranze.

Se vao ncoppa a la chiesia pe preà S. Antonio me vero presentà S. Giuseppe, S. Michele e S.Gregorio.

Dimmi no poco :manco li Santi sò cchiù e sto paese, però simo sembe nui a paià tutte le spese.

L'aimo criata nui sta coccagna addò vai vai e lo forastieri che commanna;

co na strafottenza e cò na facci tosta, mbosta a paza, passea, pare che te lo fà apposta.

Povero paisiello mio, murtificato e canpacchiuto,

se non fai come a li viecchi tiempi sì futtuto.

A verè che poco faticano e le guagliottelle co tutto a fore

dimmi a verità, guardi, ma puro a te,

TE CIANGE O CORE

Un nostalgico Montefalcione

G. M.

Ultimo aggiornamento (Lunedi 25 Aprile 2011 18:16)