Il Dominio dei longobardi

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
tratto dalla monografia storica di montefalcione del Prof. G. Pagliuca - Viareggio 10 ott 1926)

 

I Lingobardi erano popoli scandinavi, i quali tra il primo e il secondo secolo dell'impero romano attraversarono il mare del nord e avanzarono lungol'Elba e la Vistola.

L'imperatore d'Oriente, nel secolo quinto, concesse loro la Pannonia (cioè parte dell'Ungheria e della Iugoslavia settentrionale). Ma essi, guidati dal loro duce Alboino, scesero in Italia nell'anno 568 e presero stanza nella valle del Po, principalmente in quella regione che da loro prese il nome di Lombardia.

Ucciso Alboino dopo il celebre banchetto nel quale aveva ordinato a Rosmunda di bere nel cranio del padre di lei, il comando delle orde barbariche fu affidato a Clefi, che le guidò alla conquista dell'Italia meridionale.

Nel 754 Clefi fu chiamato dai Beneventani contro i Greci: egli li scacciò da Benevento e vi fondò il ducato. A questo ducato appartennero Montefusco, Prata, S. Barbato, Manocalzati, e, secondo il Prignano, anche Montefalcione (detto allora Montefalsone). L'opinione del Prignano viene avvalorata da ciò che si legge nel nostro inventario parrocchiale a pagina 38; ivi è detto che nella chiesa si conserva un cassone grande, in cui - ce sono molti libri scripti a longobardo -.

Fu allora edificato in nostro Castello, intorno a cui si raccolsero gli abitanti dei casali distrutti; e troviamo da allora indicato indicato il paese col nome di Montefalsone oppi dum. La denominazione di alcune cittadine della nostra provincia; S. Angelo dei Lombardi, Torella dei Lombardi, Guardia deiLombardi, indica chiaramente che tal popolo tenne saldamente le nostre contrade. Se non vi rimangono altre tracce del suo dominio, si deve al fatto che era un popolo guerriero e semibarbaro, il quale non ebbe agio di consolidarsi ed evolversi.