Indovinello "Popolare"

‘O mini cricco e ‘o cacci muscio.
(Il maccherone)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Il dialetto montefalcionese all’università di Cambridge

Il dialetto montefalcionese all’università di Cambridge

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Il dialetto montefalcionese all’università di Cambridge

 

(la Dr.A.S.Hill a Montefalcione per una ricerca)

 

La Dr.Susan A.Hill,docente dell’università di Salford,dipartimento lingue, si dedica con passione allo studio del dialetto montefalcionese. È venuta nella nostra comunità nel Marzo 1985,ritorna nel 1988 per approfondire un aspetto specifico fonologico della nostra lingua popolare sia dal punto di vista storico nella sua radice latina,che linguistico,inteso come<<segno>>di costume sociale.Inoltre-dichiara Susan-analizzo in modo particolare le variazioni,le modifiche,le differenze della parola dialettale,studiata nell’uso,tenendo conto dell’età,del sesso del parlante.Quando ritornerò in Inghilterra condurrò un confronto fra il linguaggio dialettale del paese e quello dei montefalcionesi residenti a Burg. Successivamente la stessa analisi farò a Bedfor per verificare se i risultati dello studio della comunità di Burg sono simili o diversi fra le suddette comunità.Questa esperienza di studi,organizzata in una comunicazione,diventerà oggetto di discussione in un convegno ampio sulle lingue romane,che avrà luogo all’università di Cambridge.

Nonostante i mass-media,la scuola,il montefalcionese usa ancora il dialetto:la sua lingua madre,magari modificata.Il montefalcionese pensa in dialetto.Non ha perso del tutto l’identità.La pronuncia resiste,rimane lo sviluppo fonetico proveniente dal latino,quello sviluppo che distingue questo dialetto da altre aree.È importante che il dialetto resista,rimanga perché fa parte del patrimonio culturale.I bambini locali non dovrebbero perdere questa lingua madre.Nello stesso tempo si può conservare il dialetto,studiare la lingua ufficiale.Entrambe le lingue possono coesistere ed essere usate.Noi abbiamo registri linguistici diversi,rispondenti a situazioni particolari.Non vedo perché debba esserci una brutale sostituzione o demolizione del dialetto.

(Dal<< Ponte>> del 27/08/1988,articolo di Fausto Baldassarre e di Virgilio Iandiorio)

Ultimo aggiornamento (Lunedi 18 Marzo 2013 11:02)