Indovinello "Popolare"

È tunno e non è munno, è verde e non è ereva, è russo e non è fuoco, tene acqua e non è mare.
(Il cocomero)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Il Portale del Santuario Il Terremoto

Il Terremoto

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
terremotoLa prima formella in alto a sinistra descrive il terremoto, che determinò la scelta da parte degli abitanti a speciale patrono della comunità montefalcionese.

Nel rilievo si traduce un "vissuto" che si concretizza nella gestualità in un assembramento di corpi protesi nella ricerca della salvezza e che puntano lo sguardo verso il Santo.

Di fronte alla rappresentazione della minaccia mortale, la coesione della compagine sociale e la sua stabilità si rafforzano.

L'evento catastrofico diventa tappa di avvicinamento al Santo, pur nello scompiglio e nella confusione.

La paura del terremoto viene così esorcizata dall'alto, dal Santo, sovrastante uomini e cose, che squarcia le nuvole per dire agli esseri umani che non sono soli a vivere e lottare, ma che coloro i quali ci hanno preceduto, i Santi, sono indissolubilmente legati all'uomo.

Il terribile sconvolgimento tellurico rientra così come strumento nell'ambito di un vasto piano divino. In questa terra scossa dalle repliche sismiche il Santo protegge e conforta gli animi. Il momento della prova diviene per la comunità l'occasione per avviare un totale cambiamento di vita, come se il vero sommovimento debba essere quello spirituale venuto a scuotere il cuore dei Montefalcionesi.

Ultimo aggiornamento (Martedì 07 Dicembre 2010 08:11)