Indovinello "Popolare "
Ce stà na cosa ca pare na pezzottola re caso: va ncopp’a l’acqua e non s’abbagna, va ncopp’ ‘o fuoco e non s’abbrucia va ncopp’ ‘e spine e non se ponge.
(La luna)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home EVENTI STORICI 1854:il colera imperversa

1854:il colera imperversa

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

1854:il colera imperversa

 

Uccide più la parola<<colera>>che il morbo.1854-Montefalcione: 3200 abitanti, situazione abitativa precaria,mancanza d’acqua,il clima,favoriscono l’attecchimento del colera.Il morbo asiatico,fulminante,a volte non offre possibilità di distribuire sacramenti,di assistere al ben morire.I colerosi vengono seppelliti <<nel terreno comunale posto al di sopra del camposanto all’uopo destinato dalla commissione sanitaria>>.È nell’Agosto del 1854 che l’epidemia colpisce,per imperversare poi per tutto Settembre raggiungendo la punta più alta di mortalità.

Il morbo si protrae anche in Ottobre.Uno degli ultimi casi è quello del 06 Novembre 1854;dopo una mangiata di fichi portati dal colono,muore Antonio Ciarfera.Per comprendere l’incidenza del fenomeno-colera confrontiamo il numero dei morti del 1854 con quelli del 1853 e 1855.I morti nel 1854 sono 143,

quelli del 1853:88 del 1855 sono 89.I dati:molto eloquenti.Dalla lettura dei documenti si rileva che fu enorme la paura del contagio.La morte<<fulminante>>

alimenta sentimenti religiosi,di rifugio nel sacro,di ricorso al potere taumaturgico di S.Antonio.L’esposizione  serotina della sacra pisside con cera accesa per tutto l’anno.Devozioni che si moltiplicano.Maggiore presenza,assistenza dei sacerdoti.

Gaetano Girone,sacerdote economo,nell’annotare le spese sostenute nel 1854 chiarisce la situazione determinatasi al tempo del colera.Fu dato<<un compenso a tre sacerdoti straordinariamente e per necessità adoperati nei mesi di Agosto, Settembre ed Ottobre nell’assistenza dei colerosi infermatasi nel perimetro del comune e per le case di campagna abitando una metà dei cittadini nelle case rustiche,dapoiché non potè bastare l’opera dell’economo e dei due coadiutori, essendovi stati oltre 300 infermi di colera che dal primo sintomo del morbo in diversi luoghi e nello stesso tempo chiedevano i sacramenti.Erogati ducati 30 comprese le spese di vettura>>.

(Dal<<Ponte>>del 25/08/1984 articolo di Fausto Baldassarre)

 

Ultimo aggiornamento (Lunedi 25 Aprile 2011 17:51)