RICORDI DEI VECCHI RACCONTI

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

RICORDI DEI VECCHI RACCONTI

Tutti i racconti, che stò per conta come no saggio l'aggio infila! Un ricordo nel tempo che fù si guarda avanti col pensiero in su!..

Carnevale, perché si' muorto; non mi quardà a cosi storto! con gli occhi e la mente mi fissava, nel pensiero l'amore si illuminava.

Chi più ne vale e più ne mette, non temo il furbo ma temo il fesso! Come un corallo di una corona chi ha sapienza ci farà una scola

La tarantella se ballava e se cantava con melodia sta figura se sognava? Con labbro è, riccioli doro, si avverava di una presenza incandescente si amava!

Sembrava bella con na faci e maronnella; ma dentro non ci sta e da fore lo deve cacciàl.. Sembra una bella trovata, e si fa una guardata intravede una allegria, e si nota la fantasia

Signorinella mi chiamano crifone, accostati a me che son guaglione. son guaglione e guaglioncella ti do tutto mia cara peccerella.

Sono consapevole, e sono una peccerella ; mettiamoci assieme a balla sta tarantella! Però hai sempre la faccia di un traditore ti guardi attorno sei sempre un signore..

Nicola Cucciniello