Nò giurece e lo scrivitore.

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

ANTICHI RACCONTI

 di Cucciniello Nicola

Nò giurece e lo scrivitore.

 

Ng' era no giurece chi no potia vere lo scrivitore, e lo scrivitore manco potia alleggeri lo giurece.

 

No iuorno lo giurece ra ine re pressa a n'ato paese vicino a stroi no prociesso. S'affittavo no ciuccio e, quanno la manna, re notte siabbiavo co lo scrivo. Quanno lo scrivo verette ca nisciuno lo potìa verè, pigliavo roie bone prete e re menavo una appriesso l'vota rinto a lo spine re lo giurece e la pe là si iettavo nterra alluccanno: Maronna mia! m'ave chiavato no cavoce lo ciuccio!.

 

Tanno lo giurece, chi stia a cavallo e picca potia parlà, recette: Citto, citto, ca me n' ave cuò viti puro na cocchia a me rint' a lo spino".

 

Il Giudice ed il Cancelliere.

(traduzione)

 

C'erano un giudice, che non poteva soffrire il suo cancelliere, ed un cancelliere, che non poteva soffrire il giudice.

 

Un giorno il giudice dovette andare in fretta in un paese vicino ad istruire un processo. Prese in fitto un asino ed al mattino, di buon'ora, si avviò col cancelliere. Quando il cancelliere vide che nessuno poteva accorgersene, lanciò due pietre di buon peso nella schiena del giudice e subito si buttò a terra gridando:" Madonna mia, l'asino mi ha tirato un calcio"!..

 

Allora il giudice, che stava a cavallo e non poteva parlare, disse: "Zitto, zitto, che me ne ha dati due anche a me nella schiena !.."

 

Il Sole ed il Vento

 

Una volta fecero una scommessa, il sole ed il vento, a chi più faceva togliere il cappotto ad un contadino.

 

Il vento si mise a soffiare con quanta forza aveva, ma fu tutto inutile. Il contadino se lo stringeva di più ed, insomma, non fu capace di farglielo togliere.

 

Il sole, invece, cominciò molto dolcemente e, giunta un'ora prima di mezzogiorno, il contadino dovette togliersi il cappotto!