Indovinello "Popolare"

Ncoppa no barcone ce sta no uaglione: se sponta ‘o caozone e caccia ‘o battaglione.
(La pannocchia di granoturco)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home C'era una volta Angelantonio D'Alelio

Angelantonio D'Alelio

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

 

Farneticazioni in libertà

di

AngeloAntonio D'Alelio

D'ALELIO ANGELANTONIO


ZANZARA IMPAZZITA

-1983- (anni della guerra fredda)

Vecchia Zanzara

Oh! Vecchia Zanzara......

Tu sei....tu sei impazzita per me!

Ma perché ? Perché ??

Ho sangue dolce per te, come un amore che ronzola intorno a me,

come uno zingaro che chiede carità.

Ah! Ah! Vecchia zanzara, con il tuo pungiglione che dolore mi dai....

Tu sei impazzita

come un robot che toglie il pane all'uomo

come chi corre a creare armi nucleari e

come una sporca politica...

Ahi! Ahi! Ahi! Vecchia zanzara impazzita,

che dolore, che dolore al cuore ci dà

chi si droga

chi balla e

chi beve vino....

Ed io sto con l'amore vicino.

Per non pensare a quel dì....

Come un sogno che non finirà mai.

Vecchia zanzara,

sei impazzita!

Io suono e canto per mandarti via,

via da me.

Vecchia zanzara impazzita,

quel giorno che scrissi queste parole

una musica stonata suonava e

una vecchia zanzara mi ronzolava intorno....

Intorno a me!

Ma ...se ti chiedi chi sarà mai

questa zanzara impazzita,

sono I politici sovrani con il cuore crudele

sanno solo rubare soldi.

E' come dire a un povero "se vuoi campare

vai a rubare anche tu...

Ma poi, in fin dei conti, c'è una cosa buona:

che prima o poi dobbiamo andare tutti all'aldilà.....

il bello

il brutto

il buono e

il cattivo.

Là ci pensa Dio.

Speriamo che il vento non spazzi via questa poesia.



QUESTA POESIA E' PIU' STORIA

I porci selvatici politici si faranno la legge A modo loro

I porci che scavano dentro al fango, I porci....

I porci politici scavano con il loro sporco Muso sopra

ai pensionati e si trovano qualche, diciamo, verme da ricavare.

I porci selvatici di destra, oppure di sinistra che hanno dato le pensioni facili ai poveri.

Non cambieranno il loro passo contro I poveri, I porci

quando c'è una calamità naturale inventano I nuovi giochi

difficili da vincere, come pure il super enalotto, fanno

arrivare una quota alta. Poiché I porci politici dicono:

Dobbiamo far vincere ad Avellino. Ma guardiamoci bene intorno

che mandano qualche loro porco a giocare ad Avellino e la

vincita resterà a Roma. I porci selvatici dicono:

Il gioco è fatto! Invece molti stati Europei non sono cosi quando

arriva, diciamo 12milioni di euro, il va sulle piccole

giocate fin quando che dovesse uscire la quota fissa.

I porci selvatici italiani si faranno alte buste paghe e anche

I direttori in tutti I campi. Se I porci politici si dimezzano la

loro paga, la mafia e la camorra finirà quando vedono dei

porci politici dimezzata la loro paga, pure I lavori neri verranno

a fine, così non verrà la gelosia delle buste paghe. I poveri dove

devono scavare?.... in Africa? Nella sabbia desertica?

Che trovano scorpioni e serpenti velenosi? C'è da piangere

lacrime amare! Ma questi porci politici faranno una

dittatura autorizzata e I poveri faranno I cani Dobermann,

che corrono dietro a questi porci politici selvatici, mordono

alle natiche fino all'ultima scorreggia da fare.

Come muore il povero, muore anche il ricco.

 


"FOTTI FOTTI"

Questa è la storia del Fotti Fotti....

qui, in Italia , durante le elezioni ti promettono

di tutto e di più ma dopo un mese che hai votato....

ecco il Fotti Fotti....e chi aveva bisogno resterà fottuto.

Poi c'è un altro Fotti Fotti:

la destra e la sinistra.... Sono tutte e due uguali

vanno a chiedere dalla mafia, perché quando si vota

vanno dai mafiosi a chiedere voti e danno loro

tutta la libertà di fare.

I politici Italiani sono I più mafiosi

e quindi siamo tutti fottuti.

Poi c'è un'altro Fotti Fotti:

La Lottomatica con I diversi sistemi di gioco

che ti fanno paura (non perché c'è il 90!!!)

ma perché ci sono 90 numeri e ne devi scegliere 5....

e anche qui siamo fottuti.

Altri stati Europei hanno 45 numeri di cui 5 da scegliere.

Solo qui in Italia c'è questo Fotti Fotti,

dai politici che sono I più costosi al mondo....

perciò chi non viene a vivere in Italia non sarà mai

fottuto.

Solo quando facciamo l'amore non siamo fottuti.

Questo Fotti Fotti sta andando a gonfie vele.

Poi per tutti, chi prima.... e chi poi...., c'è una buca

per i ricchi e per I poveri.

Questa è la storia del Fotti Fotti.....

.....E siamo tutti fottuti.

 


FRAMMENTI EMIGRANTI

( 02.09.2008 )

Io, Angelo Antonio, che scrivo questa poesia

ho partecipato a una commedia che parla

di immigrati, dal titolo "Frammenti Emigranti"

ho provato tanta emozione qui a Montefalcione

perché avevo la parte di uno zappatore in un

vicolo a senso unico.

Abbiamo avuto dal pubblico che passeggiava

applausi per tre serate.

Ma mi chiedo....perché non ho visto nessun

politico né piccolo, né grande? Forse per non

sentirsi colpevoli.

Però si vedono tutte le volte che ci sono

le elezioni politiche, quando vanno da ogni

parte a chiedere voti, da più di cento anni

non può andare avanti così: solo promesse e

niente fatti.

E se vuoi campare devi solo emigrare, o

all'interno della propria nazione o in altre.

Purtroppo nel mezzogiorno d'Italia vedo

sempre la notte ("non fa mai giorno")......

e cosi si crea sempre la storia di

Frammenti Emigranti e non si può andare

avanti.


 

I BINLADENI MADE IN ITALY

(10.01.2011)

Popolo Italiano, qui c’è puzza di bruciato!!!

Che dobbiamo sopportare, ahimè!

In queste mani dei Binladeni e iene politiche,

mbestati di soldi; soldi di quà, soldi di là…

I Binladeni e le iene sono di destra e di sinistra,

ovunque c’è Capitalismo. Poi le mogli esclamano:

-Dobbiamo andare dal parrucchiere – rispondono I loro sposi:

- Andate, andate, con la guardia e la macchina blu.

Noi poveri non ci stiamo! Che dobbiamo fà pè campa?

Dobbiamo andare a rubbare polli, galline e poi?

Sicuramente derubiamo I ricchi! Alle iene politiche!

Che hanno la scritta “Made in Italy”.

Ma in Afghanistan c’è solo Binladen che rubba,

qui in Italia ce ne sono migliaia, che rubbano a destra

e a sinistra; si sono soporpati anche le ossa dell’Italia.

L’Italia è bella ma ci sono troppi Binladeni e

troppe iene, col loro Capitalismo Industriale

hanno tolto tutti I diritti agli operai.

Veniamo dietro a voi sciacalli con le nostre povere

ossa sporpate. Io sporperei e romperei le vostre

ossa!!!

Ahimè! Qui siamo pieni di Binladeni e iene politiche,

di quà e di là, prima o poi andremo tutti

all’aldilà.


LO ZIO PASQUALE

Ha! Ha! Ha!

Io passo la cera sulle scale per zio pasquale,

Ha! Ha! Ha! E’ andato all’ospedale,

perché si è rotto la spina dorsale….

perché, peché ho passato la cera sulle scale….

Perché zio Pasquale si prendeva troppe vitamine per

ballare con le signorine.

Ha! Ha! Ha! Zio Pasquale vola, vola per le scale!

Ma zio Pasquale birichino, si prendeva uova

e galline e mi diceva che era la volpicina….

Ha! Ha! Ha!

Ma zio Pasquale sta bene all’ospedale

perché con le sue vitamine e volpicine

non invita a ballare le signorine.

Ha! Ha! Ha! Zio Pasquale vola vola per le scale!

Devo andare a visitare zio Pasquale all’ospedale,

mi dirà:  che dolore,

che dolore hai dato a tuo zio Pasquale!

“perché hai messo la cera sulle scale?”

Io gli rispondo: “perché non mi hai dato

la tredicesima di Natale….! “

Ha! Ha!

Zio Pasquale

stai bene all’ospedale:

 


STUDIO SI, STUDIO NO!

BALLO UN ROCK AND ROLL!

Studio sì, studio no… ballo un rock and roll…

il papà e la mamma lo diranno: tu figlia,

al conservatorio ci vai!

Oh si! Io esclamai, ma tu papà, tempo per me

non avrai.

Per mia figlia il tempo ci sarà, rispose il mio papà

dopo un po’ di tempo che passò; il mio maestro di pianoforte non

io non ci sto! No papà, non ci stò!

Studio si o studio no! O ballo un rock and roll!

Oh no papà! Oh no papà!

Questa canzone è solo di raccomandazione

in questa nazione.

Oh no, mio papà al conservatorio no, no! Non ci sto

Studio si! Studio no! Io ballo un rock and roll!

Ma prenderò la vita com’è,

perché di meglio non ce n’è!

Ma quando, quando verranno queste trasformazioni

ed io canto…canto, canto solo canzoni per

non vivere delusioni,

per dare un po di amore.

E c'è per tutti il vicolo che si chiama

"solo andata".

 

MALEDIZIONE AI POLITICI ITELIANI!

I politici italiani maledetti non si guardano mai allo specchio…dovrebbero sputare sulle loro facce.

Maledetti! Dovrebbero dire: che cosa stiamo facendo al popolo italiano?

Questi politici maledetti adoperano i loro truccatori, per questo si guardano poco allo specchio e non si sputano in faccia! Maledetti politici italiani!

Poi dicono che dobbiamo fare economia, tagliare alla sanità, ai poveri pazienti che si operano in ospedale e si fanno ricoverare per soli 3 o 4 giorni. Come gli animali!

Se trovi qualche dottore con il cuore buono o se paghi, diciamo, 400 euro puoi uscire dopo 5 giorni. E non parliamo delle medicine!

Caro popolo italiano: svegliamoci, che si ritorna alla schiavitù!

Maledizione ai politici italiani!

Dovrebbero prendersi solo la terza parte della loro paga. Oppure quando vanno a ritirare la busta paga dovrebbero trovare i macellai che tagliano loro le mani! Come loro hanno tagliato la sanità.

Maledetti politici italiani, ma tanto prima o poi siamo tutti tagliati nell’aldilà!

Angeloantonio D’Alelio

Ultimo aggiornamento (Lunedi 14 Febbraio 2011 18:25)

 
Sleppe scritto il 08 Giugno 2016, 10.06 da Administrator in C'era una volta
Sleppe
Non penso, Antonio, che tu abbia smesso di suonare la chitarra né che la stia suonando in un altro mondo. L’aldilà è una scommessa;la vita terrena una verità. Credo che tu continui a suonare la chitarra nel ricordo di tutti noi, più o meno tuoi coetanei. E’ questa memoria il tuo paradiso! Gli anni passati non hanno più data e limite temporale se, appunto, rivissuti nella nostra intimità,....
Leggi di più 0 Commenti 876 Visite 5 Stelle
FACCE da CULO scritto il 05 Aprile 2013, 17.25 da Administrator in C'era una volta
FACCE da CULO
FACCE da CULO di  D'Alelio Angeloantonio Vecchi politici, facce da culo, che vogliono comandare solo loro per prendersi le paghe d’oro, le pensioni d’oro e i privilegi. Ma c’è stata una grande persona, Beppe Grillo che ha buttato loro i bastoni tra le ruote e gli ha detto: “ladri! Facce da culo! Avete mandato l’Italia in malora sparatevi! Facce da culo! Poi avete ragione perché in....
Leggi di più 0 Commenti 3314 Visite 0 Stelle
RAPINATORI POLITICI scritto il 25 Aprile 2012, 16.15 da Administrator in C'era una volta
RAPINATORI POLITICI
RAPINATORI POLITICI   Se compri un pezzo di terra agricolo spendendo 50000,00 euro (ad esempio) i politici italiani rapinatori ti rubano circa 8000,00 euro di IVA. I rapinatori politici italiani poi hanno creato un ufficio rapinatori autorizzati (Equitalia). Se sbagli un assegno bancario di 400,oo euro e lo paghi con qualche giorno di ritardo , parte subito la denuncia alla prefettura. Poi la....
Leggi di più 0 Commenti 3278 Visite 0 Stelle
POLITICI ITALIANI FIGLI di NN scritto il 25 Aprile 2012, 16.12 da in C'era una volta
POLITICI ITALIANI FIGLI di NN
POLITICI ITALIANI FIGLI di NN Questo è un regalo ai politici italiani che se la prendono sempre con i poveri che hanno sempre pagato…e che non guardano mai il reddito familiare e non se ne fottono di chi non può campare! Poi i poveri dicono: “Questi politici, figli di n.n, vogliono solo violenza!”. E questi politici dicono: “solo se ci sparano in fronte cambieremo idea!”. Poi ci hanno....
Leggi di più 0 Commenti 3212 Visite 5 Stelle
Il DOPO GUERRA A MONTEFALCIONE scritto il 23 Ottobre 2011, 08.17 da in C'era una volta
Il DOPO GUERRA A MONTEFALCIONE
Il DOPO GUERRA A MONTEFALCIONE Nel dopoguerra na Montefalcione c’era l’immigrazione come in tutta Italia dove c’era la Monarchia successivamente nacquero altri partiti con vari nomi, il più bello era la Democrazia Cristiana, che fu creata da un sacerdote che andò in buona fede dai pèolitici italiani e disse: non fateli emigrare negli altri stati! Ma ritorniamo a Montefalcione, qui si....
Leggi di più 0 Commenti 3523 Visite 5 Stelle
Brava la Dott.ssa Belli scritto il 23 Giugno 2011, 17.58 da in C'era una volta
Brava la Dott.ssa Belli
Brava alla Dottoressa belli, che ha battuto la roccaforte della Democrazia Cristiana! Dobbiamo dire bravissima! Questo è successo perché quando venivano i cittadini di Montefalcione a farsi visitare da voi, oppure a farsi dei piccoli interventi chirurgici, non vi siete preso mai una lira, neppure un centesimo. Nel vostro studio non c’era nell’aria nessuna voce politica, “brava”. Apprezzo la....
Leggi di più 0 Commenti 5003 Visite 0 Stelle
La signorina Sassi scritto il 12 Giugno 2011, 17.43 da Administrator in C'era una volta
La signorina Sassi
La signorina Sassi La signorina Sassi era così minuta che, quando passava tra la gente, non ti accorgevi della sua presenza. Ma, appena ti salutava e sorrideva, allora sì che restavi sorpreso e grato di tale incontro inaspettato. E poi quel suo camminare leggermente ondulante, impercettibile: sembrava che sfiorasse l’asfalto. Una damina fine Ottocento: un personaggio sfuggito dalle maglie serrate....
Leggi di più 0 Commenti 4038 Visite 5 Stelle
Don Antonio Capone scritto il 12 Giugno 2011, 17.40 da Administrator in C'era una volta
Don Antonio Capone
DON ANTONIO CAPONE   Amava il Napoli. Ne parlava con passione, gli occhi spalancati su di un punto lontano ed invisibile. Il Napoli, già, una squadra, un ideale, un sogno. Il Napoli diventava la bandiera del riscatto meridionale dovuto e giusto. Il simbolo di un popolo di grande cultura e dignità. Ed anche di enorme ingiustizia storica. Amava il Napoli. Ne aveva fatto un momento dello....
Leggi di più 0 Commenti 3994 Visite 5 Stelle
AURELIO scritto il 10 Aprile 2011, 00.00 da Administrator in C'era una volta
AURELIO
La visione di questo cortometraggio, realizzato in forma amatoriale con una  rudimentale cinepresa, evidenzia la genuina creatività dei giovani  montefalcionesi, oggi non più tali. Correva l’anno 1968, e per vincere la noia, grazie all’acume di alcuni “artisti” si pensò di tradurre in pratica quello che il “Cinema Vittoria” locale insegnava. Si pensò di girare un film. Gli....
Leggi di più 0 Commenti 4838 Visite 0 Stelle
“Fratelli D’Italia” scritto il 09 Aprile 2011, 10.44 da in C'era una volta
“Fratelli D’Italia”
“Fratelli D’Italia” DI Diceva Giuseppe Garibaldi, io l’ho unificata l’Italia, quindi rispettatemi fratelli, e festeggiatemi per tutti gli anni che verranno. Questo non è successo. I politici festeggiano ogni 50 anni. Prima cosa hanno sbagliato i governi passati…. E quelli di oggi?...Ma se resuscitasse Giuseppe Garibaldi li prenderebbe a baionettate nel culo per farsi festeggiare tutti....
Leggi di più 0 Commenti 3831 Visite 0 Stelle
RICORDI DEI VECCHI RACCONTI scritto il 29 Marzo 2011, 17.47 da in C'era una volta
RICORDI DEI VECCHI RACCONTI
RICORDI DEI VECCHI RACCONTI Tutti i racconti, che stò per conta come no saggio l'aggio infila! Un ricordo nel tempo che fù si guarda avanti col pensiero in su!.. Carnevale, perché si' muorto; non mi quardà a cosi storto! con gli occhi e la mente mi fissava, nel pensiero l'amore si illuminava. Chi più ne vale e più ne mette, non temo il furbo ma temo il fesso! Come un corallo di una corona chi....
Leggi di più 0 Commenti 3766 Visite 0 Stelle
Il Racconto del Fraticello. scritto il 29 Marzo 2011, 17.44 da in C'era una volta
Il Racconto del Fraticello.
Il Racconto del Fraticello.   Concedetemi d'essere prete, o Monsignore mio, poiché tra tante bestie, ci posso stare anche io  per questo la monaca si batte in petto, perché tua moglie muoia presto, poi il diavolo ti torna ad accecare una coppia di prim'ordine dovete fare.  Se vuoi un consiglio, va dalla zia fate insieme la preghiera, così tua moglie può morire allora la monaca ti....
Leggi di più 0 Commenti 3541 Visite 0 Stelle
Nò giurece e lo scrivitore. scritto il 29 Marzo 2011, 17.41 da in C'era una volta
Nò giurece e lo scrivitore.
ANTICHI RACCONTI  di Cucciniello Nicola Nò giurece e lo scrivitore.   Ng' era no giurece chi no potia vere lo scrivitore, e lo scrivitore manco potia alleggeri lo giurece.   No iuorno lo giurece ra ine re pressa a n'ato paese vicino a stroi no prociesso. S'affittavo no ciuccio e, quanno la manna, re notte siabbiavo co lo scrivo. Quanno lo scrivo verette ca nisciuno lo potìa....
Leggi di più 0 Commenti 3474 Visite 0 Stelle
LA FRUTTAIOLA scritto il 27 Marzo 2011, 17.25 da in C'era una volta
LA FRUTTAIOLA
Si chiamava Mariuccia. Il cognome è andato all’aria perché il tempo ha graffiato la memoria. Era di Cassino, provincia di Frosinone, oggi celebre nel mondo; vi fu combattuta una battaglia dagli Angloamericani contro i Tedeschi, restata famosa; la malavita locale o delle contrade vicine ne hanno fatto di tutti i colori, cristo si è fermato alle sue porte. Cosi Cassino è nota in tutti i centri,....
Leggi di più 0 Commenti 3855 Visite 0 Stelle
Di Giovanni Domenico Antonio scritto il 06 Febbraio 2011, 10.20 da Administrator in C'era una volta
Di Giovanni Domenico Antonio
  {oziogallery....
Leggi di più 0 Commenti 4256 Visite 0 Stelle
Ida Cassi scritto il 31 Gennaio 2011, 19.53 da Administrator in C'era una volta
Ida Cassi
  Tratto da Edizione Il Ponte del 1993 Di Prof. Fausto Baldassarre LA FORESTIERA  IDA CASSI PRESENTAZIONE Saluto con gioia la pubblicazione del prof. Baldassarre per far conoscere una Suora-Maestra, Ida Cassi, che possiamo considerare « nostra » dal momento che, pur essendo nata a Firenze, ha regalato tutta sé stessa al Sannio, a cominciare da Montefalcione dove ha dato forma alle....
Leggi di più 0 Commenti 3985 Visite 0 Stelle
Angelantonio D'Alelio scritto il 31 Gennaio 2011, 18.57 da Administrator in C'era una volta
Angelantonio D'Alelio
  Farneticazioni in libertà di AngeloAntonio D'Alelio ZANZARA IMPAZZITA -1983- (anni della guerra fredda) Vecchia Zanzara Oh! Vecchia Zanzara...... Tu sei....tu sei impazzita per me! Ma perché ? Perché ?? Ho sangue dolce per te, come un amore che ronzola intorno a me, come uno zingaro che chiede carità. Ah! Ah! Vecchia zanzara, con il tuo pungiglione che dolore mi dai.... Tu sei....
Leggi di più 0 Commenti 5095 Visite 5 Stelle
Entro in un ufficio scritto il 14 Gennaio 2011, 19.37 da Administrator in C'era una volta
Entro in un ufficio
  Entro in un ufficio. tratto dal "Il Pungolo settembre 1976 n. 9 Due stanze. Una scrivania. Carte. Un calendario fermo con la data del 20 giugno. Un crocifiso: segno della cristianità. Su una parete una frase di Cavour. Non si perde tempo! Il tempo è m oneta! Mentre scrive parla. E' un uomo che fa sempre due cose costemporaneamente. Crede in Dio. Prega. Anche per la D.C. Pensa sempre....
Leggi di più 0 Commenti 3951 Visite 0 Stelle
Per l'Epifania si ammazzava il maiale scritto il 06 Gennaio 2011, 20.09 da in C'era una volta
Per l'Epifania si ammazzava il maiale
    PER L'EPIFANIA SI AMMAZZAVA IL MAIALE   Quella mattina, sul presto, c'era un gran fermento nella masseria, bisognava preparare tutto, alle nove si uccideva il maiale. Una ricorrenza che ogni anno si ripeteva, nello stesso periodo, allo stesso modo; qualcuno veniva per aiutare e la cortesia veniva ricambiata quando poi toccava al loro maiale. Mia madre si era alzata prima dell'alba per....
Leggi di più 0 Commenti 4725 Visite 0 Stelle
Mitico skylab 11 scritto il 06 Gennaio 2011, 17.06 da in C'era una volta
Mitico skylab 11
  "SKYLAB11" Nel 1991 Gino Paoli, famoso cantautore genovese, scrive una canzone intitolata "Quattro amici" che racconta, appunto, di quattro amici che, seduti davanti ad un bar, parlano del mondo e di come cambiarlo. Ma già negli anni '60 altri quattro amici, per la verità quattro + quattro, parlavano del mondo e di come cambiarlo. Erano i GERB (Gaetano C., Enzo C., Rosario F., Beniamino R.) e....
Leggi di più 0 Commenti 4589 Visite 0 Stelle
Peppo "o comparone" e Giovanni "o camele" scritto il 05 Gennaio 2011, 19.43 da in C'era una volta
Peppo
  "o comparone" e Giovanni "o camele" Prof. Antonio Marano Peppo "o' comparone" (così chiamato perché era l'amico di tutti). Peppo aveva un solo nemico giurato, a cui aveva dichiarato guerra perenne: il lavoro. In vita sua non aveva mai lavorato. Aveva sempre vissuto di espedienti. In gioventù, attirato dal mito americano, era emigrato negli Stati Uniti dove, si diceva, si riusciva a fare....
Leggi di più 0 Commenti 4240 Visite 5 Stelle
Totonno e Pacchitiello scritto il 05 Gennaio 2011, 19.17 da in C'era una volta
Totonno e Pacchitiello
  Totonno e' Pacchitiello il "Cavaliere"   "Totonno e' Pacchitiello", il "Cavaliere" per antonomasia, era un uomo intelligente, abile nel commercio e consumato giocatore di carte e di bancolotto. Il Cavaliere era considerato un grande giocatore di poker e di "calabresella". In gioventù aveva frequentato le sale da gioco napoletane, dove, a suo dire e di quelli che avevano assistito alle sue....
Leggi di più 0 Commenti 4344 Visite 0 Stelle
Padre Antonio Accurso scritto il 03 Gennaio 2011, 17.14 da in C'era una volta
Padre Antonio Accurso
  Padre Antonio Accurso UN AMICO MISSIONARIO di Giuseppe Martignetti   Erano le prime ore del pomeriggio, primo. novembre di qualche anno fa, nel cimitero vi era un viavai di gente ognuno in visita sulla tomba dei propri cari. Ed ecco che incontro i miei due nipotini, il primo di dieci anni, l'altro di sei; uno di essi mi chiese di comprare dei lumini da accendere, come altre volte, presso la....
Leggi di più 0 Commenti 4268 Visite 5 Stelle
Ciccone scritto il 28 November 2010, 18.59 da in C'era una volta
Ciccone
CICCONE   Per tutti era Ciccone. In realtà, si chiamava Francesco. Sessantenne, tozzo, eppure un vispo giovanotto. Difficoltà intellettive. Una famiglia poverissima. Fratelli all'estero. Alcuni con problemi di giustizia. Lo vedevi ogni giorno in piazza, d'estate e d'inverno. A chiedere un "sicario" o un bicchiere di "cocò". Tra la neve con gli zoccoli. Preceduto da un intenso odore di....
Leggi di più 0 Commenti 4212 Visite 5 Stelle
La Palata scritto il 28 November 2010, 18.59 da Administrator in C'era una volta
La Palata
La Palata   La Palata,· il mare di Montefalcione. Seducente. Peccaminosa. Avventurosa. Lontana,· in un fitto castagneto, attraverso campi di felci, cespugli spinosi, sentieri di funghi e serpi. Per tracciato, l'ansia di giovani semplici e vivaci, una conca poco profonda. Piccola quanto un pugno; grande quanto la frenesia di emozioni adolescenziali. Alimentata da un ruscelletto, dal desiderio di....
Leggi di più 0 Commenti 3877 Visite 0 Stelle
'Grelle scritto il 28 November 2010, 18.58 da Administrator in C'era una volta
'Grelle
'NGRELLE   Il suo Dio era la cabala. Il lotto. In una tasca migliaia di fogliettini. Sopra una infinità di numeri. Quando li estraeva, era una sorta di magia, un rito. Sebbene raccolti insieme, alla rinfusa, mescolati a noccioline o granelli di terra o ciuffi d'erba, erano pagine di una profana bibbia da rispettare con sacra solennità. Ambi, terni, quaterne. Un fatto, una parola, un gesto, un....
Leggi di più 0 Commenti 4295 Visite 5 Stelle
Il Cinema Vittoria scritto il 28 November 2010, 18.57 da Administrator in C'era una volta
Il Cinema Vittoria
IL CINEMA VITTORIA    Quando fu proiettato· "Helga", vietato ai minori di 18 anni, riuscii minorenne con un altro mio coetaneo ad entrare nel cinema Vittoria con uno stratagemma. 'Ngrelle, la maschera, però, ci scoprì e fu un saltare tra banchi e scalini per fuggire senza mai distogliere lo sguardo dallo schermo. In sala si sentiva un caldo ansimare. "Helga" era un film-documentario svedese,....
Leggi di più 0 Commenti 4079 Visite 0 Stelle