Proverbio "Popolare"
O Patrone diventa parzonale, e o parzonale diventa patrone (Il padrone diventa colono e il colono diventa padrone)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home C'era una volta Padre Antonio Accurso

Padre Antonio Accurso

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

 

Padre Antonio Accurso

UN AMICO MISSIONARIO

di Giuseppe Martignetti

 

Padre Antonio AccursoErano le prime ore del pomeriggio, primo. novembre di qualche anno fa, nel cimitero vi era un viavai di gente ognuno in visita sulla tomba dei propri cari.

Ed ecco che incontro i miei due nipotini, il primo di dieci anni, l'altro di sei; uno di essi mi chiese di comprare dei lumini da accendere, come altre volte, presso la lapide di Padre Antonio.

Per un attimo restai disorientato, pensai che per dimenticanza stavo per venir meno ad un mio dovere, quello di compiere un gesto in memoria di un amico; per fortuna c'erano loro, i miei nipoti a ricordarmelo.

Comprammo i lumini e ci recammo presso quella lapide con la foto di un missionario, lo sguardo austero, i lineamenti simpatici. Li accendemmo e mio nipote, il più piccolo, mi chiese di raccontargli ancora una volta la storia del mio amico missionario. Annuii, ma attesi di uscire dal cimitero, si stava celebrando messa ed erano stati installati altoparlanti un po' dovunque, la voce del prete durante la sua omelia si diffondeva tra i cipressi senza curarsi di chi era venuto per meditare e pregare in silenzio sulla tomba dei suoi cari.

Uscimmo e ci sedemmo su una umida panchina, proprio lì nei pressi del cimitero, mentre un pallido sole timidamente poggiava i suoi raggi sulle foglie ormai gialle degli alberi che ci circondavano, cominciai a raccontare.

Padre Antonio era di un anno più grande di me, penultimo di sette figli, cinque maschi e due femmine. Suo padre faceva il carrettiere, trasportava materiali e nel periodo di castagne e di ciliegie si dedicavo anche a comprare e rivendere modeste quantità di tali prodotti, sempre aiutato dai figli più grandi. La madre, gran brava donna, trattava tutti i ragazzi del quartiere quasi fossero propri figli e mentre la sorella più grande si dedicava ad accudire la famiglia, la più piccola frequentava ancora la scuola ed era mia compagno di classe.

Già dai tempi delle elementari, io e Totonno, poi Padre Antonio,

Eravamo amici, perché in un paesino piccolo come il nostro si poteva essere amici cori rutti. Giocavamo assieme, Insieme nel :rese di maggio costruivamo cappelline cori fiori e zarrelle di carta colorata, sui marciapiedi di via Cardinal dell'Olio. E ancora insieme si frequentava la parrocchia, si serviva messa, s'andava o raccogliere legna per fare il "focaraccio" la sera del 13 dicembre, giorno di Santa Lucia.

Ultimate le scuole elementari, sia la, mia che la sua; famiglio non possedevano i mezzi necessari per permetterci di continuare gli studi, eravamo destinati a imparare un mestiere luì e a zappare la terra io, se il nostro parroco non avesse preso l'impegno di darci lezioni,private tutti i giorni e prepararci agli esami di licenza media come privadisti.

Fu così che iniziammo ad andare a scuola da Don Camillo, spesso le lezioni si tenevano in sacrestia, cominciammo ad imparare il latino, la sintassi, l'algebra; nelle ore libere i soliti giochi, le solite marachelle tipiche dei ragazzi di quella età. Salivamo sui tetti della chiesa, sul campanile, per prendere i nidi del passeri.¬ Una volta sul campanile trovammo un barbagianni, lo portai a cosa e lo tenni per tanto tempo, finché un giorno mio madre seppe che ,mangiava anche topi, mi costrinse a liberarlo. perché, diceva, le faceva schifo.

Dopo tre anni di scuola privata, sostenemmo gli esami di licenza media, non avevamo una grossa preparazione ma riuscimmo comunque o (orci promuovere. Totonno andò in un monastero in Sardegna per proseguire gli studi, io smisi di andare a scuola e cominciai a zappare la terra con mio padre.

Mi occorsi che da allora le nostre strade si erano divise, ci rivedevamo soltanto durante le vacanze estive, neanche tutti gli anni.

Poi partii per militare, luì andò a Roma per studiare teologia.

In seguito io mi sposai, misi su famiglia e rimasi in paese o lavorare, lui continuò la preparazione per andare in terra di missione.

Prima di partire, venne in paese per stare qualche giorno con i propri familiari, quelli che erano rimasti giacché i genitori erano morti gioì da diversi anni, i fratelli erano quasi tutti

all'estero per lavoro ed in paese erano rimasti le sorelle, un fratello ed il cognato. In quella occasione mi invitò a cena per stare un poco insieme. Poi parti per il Brasile, in uno sperduto posto dell'Amazzonia.

Ritornò dopo dieci anni e rimase qualche mese. In due o tre occasioni ebbi modo di colloquiare con lui, mi confidava che non si sentiva a proprio agio in paese, sentiva forte il bisogno di ritornare tra quella gente che aveva condiviso per dieci anni con lui la propria miseria. Ripartì per il Brasile e questa volta, non so perché, non ci salutammo nemmeno.

Passarono altri dieci anni, ed ecco ritornare Padre Antonio, ci salutammo, chiesi di lui, della sua gente, della sua salute. Lo vedevo molto cambiato, era cagionevole di salute, mi disse che erano stati proprio i suoi superiori a costringerlo a tornare dalla missione per un periodo di riposo a casa. Soffriva di una grave forma di affaticamento.

Fu in questa occasione che mi confidò che trovava assurdo che la Chiesa permettesse che si spendessero tanti soldi per realizzare feste religiose, mentre in Amazzonia la gente non aveva neanche un pezzo di pane per mangiare e nonostante tutto si mostrava profondamente cordiale dividendo con chiunque un frutto selvatico o un pezzo di serpente arrostito sul fuoco.

Qualche giorno dopo si recò a Roma, mi disse presso la Casa Madre per cercare di rimuovere dalla testa quell'insistente stridulo canto dei pappagalli, particolarmente chiassosi in quelle zone amazzoniche, che uniti al caldo umido della zona gli avevano cagionato un poco di depressione.

Rientrato in paese, disse che presto sarebbe ripartito per il Brasile, in Italia non stava più bene; mi diede l'impressione di aver ricevuto un torto da un suo superiore.

Invano cercai di convincerlo a restare in paese, motivando col fatto che ormai di missionari se ne aveva bisogno anche qui da noi. Ci abbracciammo. Mi baciò dicendomi: "Devo fare la vita che volontariamente ho scelto".

Pochi mesi dopo, giunse la triste notizia che Padre Antonio era morto. Era caduto dal tetto della capanna adibita a chiesa che un temporale aveva danneggiato.

A me restò solamente il suo ricordo e il compito di meditare su quanto mi aveva confidato od anche suggerito con le sue parole.

Il quesito che mi sono posto e mi pongo è: come può la Chiesa istituzionale far coesistere lo sfarzo delle sale vaticane o degli alloggi cardinalizi con la miseria delle piccole capanne di frasche dei luoghi di missione? Come conciliare le porpore e le croci e catene d'oro con la nudità di quella povera gente, uomini o donne che siano? In quale parte si trova il vero Dio? Quella gente che spontaneamente condivide un frutto selvatico o un pezzo di serpe arrostito non è forse più vicina al senso di comunione descritto negli atti degli apostoli?

 
Sleppe scritto il 08 Giugno 2016, 10.06 da Administrator in C'era una volta
Sleppe
Non penso, Antonio, che tu abbia smesso di suonare la chitarra né che la stia suonando in un altro mondo. L’aldilà è una scommessa;la vita terrena una verità. Credo che tu continui a suonare la chitarra nel ricordo di tutti noi, più o meno tuoi coetanei. E’ questa memoria il tuo paradiso! Gli anni passati non hanno più data e limite temporale se, appunto, rivissuti nella nostra intimità,....
Leggi di più 0 Commenti 889 Visite 5 Stelle
FACCE da CULO scritto il 05 Aprile 2013, 17.25 da Administrator in C'era una volta
FACCE da CULO
FACCE da CULO di  D'Alelio Angeloantonio Vecchi politici, facce da culo, che vogliono comandare solo loro per prendersi le paghe d’oro, le pensioni d’oro e i privilegi. Ma c’è stata una grande persona, Beppe Grillo che ha buttato loro i bastoni tra le ruote e gli ha detto: “ladri! Facce da culo! Avete mandato l’Italia in malora sparatevi! Facce da culo! Poi avete ragione perché in....
Leggi di più 0 Commenti 3320 Visite 0 Stelle
RAPINATORI POLITICI scritto il 25 Aprile 2012, 16.15 da Administrator in C'era una volta
RAPINATORI POLITICI
RAPINATORI POLITICI   Se compri un pezzo di terra agricolo spendendo 50000,00 euro (ad esempio) i politici italiani rapinatori ti rubano circa 8000,00 euro di IVA. I rapinatori politici italiani poi hanno creato un ufficio rapinatori autorizzati (Equitalia). Se sbagli un assegno bancario di 400,oo euro e lo paghi con qualche giorno di ritardo , parte subito la denuncia alla prefettura. Poi la....
Leggi di più 0 Commenti 3282 Visite 0 Stelle
POLITICI ITALIANI FIGLI di NN scritto il 25 Aprile 2012, 16.12 da in C'era una volta
POLITICI ITALIANI FIGLI di NN
POLITICI ITALIANI FIGLI di NN Questo è un regalo ai politici italiani che se la prendono sempre con i poveri che hanno sempre pagato…e che non guardano mai il reddito familiare e non se ne fottono di chi non può campare! Poi i poveri dicono: “Questi politici, figli di n.n, vogliono solo violenza!”. E questi politici dicono: “solo se ci sparano in fronte cambieremo idea!”. Poi ci hanno....
Leggi di più 0 Commenti 3219 Visite 5 Stelle
Il DOPO GUERRA A MONTEFALCIONE scritto il 23 Ottobre 2011, 08.17 da in C'era una volta
Il DOPO GUERRA A MONTEFALCIONE
Il DOPO GUERRA A MONTEFALCIONE Nel dopoguerra na Montefalcione c’era l’immigrazione come in tutta Italia dove c’era la Monarchia successivamente nacquero altri partiti con vari nomi, il più bello era la Democrazia Cristiana, che fu creata da un sacerdote che andò in buona fede dai pèolitici italiani e disse: non fateli emigrare negli altri stati! Ma ritorniamo a Montefalcione, qui si....
Leggi di più 0 Commenti 3531 Visite 5 Stelle
Brava la Dott.ssa Belli scritto il 23 Giugno 2011, 17.58 da in C'era una volta
Brava la Dott.ssa Belli
Brava alla Dottoressa belli, che ha battuto la roccaforte della Democrazia Cristiana! Dobbiamo dire bravissima! Questo è successo perché quando venivano i cittadini di Montefalcione a farsi visitare da voi, oppure a farsi dei piccoli interventi chirurgici, non vi siete preso mai una lira, neppure un centesimo. Nel vostro studio non c’era nell’aria nessuna voce politica, “brava”. Apprezzo la....
Leggi di più 0 Commenti 5008 Visite 0 Stelle
La signorina Sassi scritto il 12 Giugno 2011, 17.43 da Administrator in C'era una volta
La signorina Sassi
La signorina Sassi La signorina Sassi era così minuta che, quando passava tra la gente, non ti accorgevi della sua presenza. Ma, appena ti salutava e sorrideva, allora sì che restavi sorpreso e grato di tale incontro inaspettato. E poi quel suo camminare leggermente ondulante, impercettibile: sembrava che sfiorasse l’asfalto. Una damina fine Ottocento: un personaggio sfuggito dalle maglie serrate....
Leggi di più 0 Commenti 4041 Visite 5 Stelle
Don Antonio Capone scritto il 12 Giugno 2011, 17.40 da Administrator in C'era una volta
Don Antonio Capone
DON ANTONIO CAPONE   Amava il Napoli. Ne parlava con passione, gli occhi spalancati su di un punto lontano ed invisibile. Il Napoli, già, una squadra, un ideale, un sogno. Il Napoli diventava la bandiera del riscatto meridionale dovuto e giusto. Il simbolo di un popolo di grande cultura e dignità. Ed anche di enorme ingiustizia storica. Amava il Napoli. Ne aveva fatto un momento dello....
Leggi di più 0 Commenti 3999 Visite 5 Stelle
AURELIO scritto il 10 Aprile 2011, 00.00 da Administrator in C'era una volta
AURELIO
La visione di questo cortometraggio, realizzato in forma amatoriale con una  rudimentale cinepresa, evidenzia la genuina creatività dei giovani  montefalcionesi, oggi non più tali. Correva l’anno 1968, e per vincere la noia, grazie all’acume di alcuni “artisti” si pensò di tradurre in pratica quello che il “Cinema Vittoria” locale insegnava. Si pensò di girare un film. Gli....
Leggi di più 0 Commenti 4840 Visite 0 Stelle
“Fratelli D’Italia” scritto il 09 Aprile 2011, 10.44 da in C'era una volta
“Fratelli D’Italia”
“Fratelli D’Italia” DI Diceva Giuseppe Garibaldi, io l’ho unificata l’Italia, quindi rispettatemi fratelli, e festeggiatemi per tutti gli anni che verranno. Questo non è successo. I politici festeggiano ogni 50 anni. Prima cosa hanno sbagliato i governi passati…. E quelli di oggi?...Ma se resuscitasse Giuseppe Garibaldi li prenderebbe a baionettate nel culo per farsi festeggiare tutti....
Leggi di più 0 Commenti 3842 Visite 0 Stelle
RICORDI DEI VECCHI RACCONTI scritto il 29 Marzo 2011, 17.47 da in C'era una volta
RICORDI DEI VECCHI RACCONTI
RICORDI DEI VECCHI RACCONTI Tutti i racconti, che stò per conta come no saggio l'aggio infila! Un ricordo nel tempo che fù si guarda avanti col pensiero in su!.. Carnevale, perché si' muorto; non mi quardà a cosi storto! con gli occhi e la mente mi fissava, nel pensiero l'amore si illuminava. Chi più ne vale e più ne mette, non temo il furbo ma temo il fesso! Come un corallo di una corona chi....
Leggi di più 0 Commenti 3770 Visite 0 Stelle
Il Racconto del Fraticello. scritto il 29 Marzo 2011, 17.44 da in C'era una volta
Il Racconto del Fraticello.
Il Racconto del Fraticello.   Concedetemi d'essere prete, o Monsignore mio, poiché tra tante bestie, ci posso stare anche io  per questo la monaca si batte in petto, perché tua moglie muoia presto, poi il diavolo ti torna ad accecare una coppia di prim'ordine dovete fare.  Se vuoi un consiglio, va dalla zia fate insieme la preghiera, così tua moglie può morire allora la monaca ti....
Leggi di più 0 Commenti 3546 Visite 0 Stelle
Nò giurece e lo scrivitore. scritto il 29 Marzo 2011, 17.41 da in C'era una volta
Nò giurece e lo scrivitore.
ANTICHI RACCONTI  di Cucciniello Nicola Nò giurece e lo scrivitore.   Ng' era no giurece chi no potia vere lo scrivitore, e lo scrivitore manco potia alleggeri lo giurece.   No iuorno lo giurece ra ine re pressa a n'ato paese vicino a stroi no prociesso. S'affittavo no ciuccio e, quanno la manna, re notte siabbiavo co lo scrivo. Quanno lo scrivo verette ca nisciuno lo potìa....
Leggi di più 0 Commenti 3480 Visite 0 Stelle
LA FRUTTAIOLA scritto il 27 Marzo 2011, 17.25 da in C'era una volta
LA FRUTTAIOLA
Si chiamava Mariuccia. Il cognome è andato all’aria perché il tempo ha graffiato la memoria. Era di Cassino, provincia di Frosinone, oggi celebre nel mondo; vi fu combattuta una battaglia dagli Angloamericani contro i Tedeschi, restata famosa; la malavita locale o delle contrade vicine ne hanno fatto di tutti i colori, cristo si è fermato alle sue porte. Cosi Cassino è nota in tutti i centri,....
Leggi di più 0 Commenti 3858 Visite 0 Stelle
Di Giovanni Domenico Antonio scritto il 06 Febbraio 2011, 10.20 da Administrator in C'era una volta
Di Giovanni Domenico Antonio
  {oziogallery....
Leggi di più 0 Commenti 4264 Visite 0 Stelle
Ida Cassi scritto il 31 Gennaio 2011, 19.53 da Administrator in C'era una volta
Ida Cassi
  Tratto da Edizione Il Ponte del 1993 Di Prof. Fausto Baldassarre LA FORESTIERA  IDA CASSI PRESENTAZIONE Saluto con gioia la pubblicazione del prof. Baldassarre per far conoscere una Suora-Maestra, Ida Cassi, che possiamo considerare « nostra » dal momento che, pur essendo nata a Firenze, ha regalato tutta sé stessa al Sannio, a cominciare da Montefalcione dove ha dato forma alle....
Leggi di più 0 Commenti 3988 Visite 0 Stelle
Angelantonio D'Alelio scritto il 31 Gennaio 2011, 18.57 da Administrator in C'era una volta
Angelantonio D'Alelio
  Farneticazioni in libertà di AngeloAntonio D'Alelio ZANZARA IMPAZZITA -1983- (anni della guerra fredda) Vecchia Zanzara Oh! Vecchia Zanzara...... Tu sei....tu sei impazzita per me! Ma perché ? Perché ?? Ho sangue dolce per te, come un amore che ronzola intorno a me, come uno zingaro che chiede carità. Ah! Ah! Vecchia zanzara, con il tuo pungiglione che dolore mi dai.... Tu sei....
Leggi di più 0 Commenti 5099 Visite 5 Stelle
Entro in un ufficio scritto il 14 Gennaio 2011, 19.37 da Administrator in C'era una volta
Entro in un ufficio
  Entro in un ufficio. tratto dal "Il Pungolo settembre 1976 n. 9 Due stanze. Una scrivania. Carte. Un calendario fermo con la data del 20 giugno. Un crocifiso: segno della cristianità. Su una parete una frase di Cavour. Non si perde tempo! Il tempo è m oneta! Mentre scrive parla. E' un uomo che fa sempre due cose costemporaneamente. Crede in Dio. Prega. Anche per la D.C. Pensa sempre....
Leggi di più 0 Commenti 3953 Visite 0 Stelle
Per l'Epifania si ammazzava il maiale scritto il 06 Gennaio 2011, 20.09 da in C'era una volta
Per l'Epifania si ammazzava il maiale
    PER L'EPIFANIA SI AMMAZZAVA IL MAIALE   Quella mattina, sul presto, c'era un gran fermento nella masseria, bisognava preparare tutto, alle nove si uccideva il maiale. Una ricorrenza che ogni anno si ripeteva, nello stesso periodo, allo stesso modo; qualcuno veniva per aiutare e la cortesia veniva ricambiata quando poi toccava al loro maiale. Mia madre si era alzata prima dell'alba per....
Leggi di più 0 Commenti 4729 Visite 0 Stelle
Mitico skylab 11 scritto il 06 Gennaio 2011, 17.06 da in C'era una volta
Mitico skylab 11
  "SKYLAB11" Nel 1991 Gino Paoli, famoso cantautore genovese, scrive una canzone intitolata "Quattro amici" che racconta, appunto, di quattro amici che, seduti davanti ad un bar, parlano del mondo e di come cambiarlo. Ma già negli anni '60 altri quattro amici, per la verità quattro + quattro, parlavano del mondo e di come cambiarlo. Erano i GERB (Gaetano C., Enzo C., Rosario F., Beniamino R.) e....
Leggi di più 0 Commenti 4593 Visite 0 Stelle
Peppo "o comparone" e Giovanni "o camele" scritto il 05 Gennaio 2011, 19.43 da in C'era una volta
Peppo
  "o comparone" e Giovanni "o camele" Prof. Antonio Marano Peppo "o' comparone" (così chiamato perché era l'amico di tutti). Peppo aveva un solo nemico giurato, a cui aveva dichiarato guerra perenne: il lavoro. In vita sua non aveva mai lavorato. Aveva sempre vissuto di espedienti. In gioventù, attirato dal mito americano, era emigrato negli Stati Uniti dove, si diceva, si riusciva a fare....
Leggi di più 0 Commenti 4247 Visite 5 Stelle
Totonno e Pacchitiello scritto il 05 Gennaio 2011, 19.17 da in C'era una volta
Totonno e Pacchitiello
  Totonno e' Pacchitiello il "Cavaliere"   "Totonno e' Pacchitiello", il "Cavaliere" per antonomasia, era un uomo intelligente, abile nel commercio e consumato giocatore di carte e di bancolotto. Il Cavaliere era considerato un grande giocatore di poker e di "calabresella". In gioventù aveva frequentato le sale da gioco napoletane, dove, a suo dire e di quelli che avevano assistito alle sue....
Leggi di più 0 Commenti 4346 Visite 0 Stelle
Padre Antonio Accurso scritto il 03 Gennaio 2011, 17.14 da in C'era una volta
Padre Antonio Accurso
  Padre Antonio Accurso UN AMICO MISSIONARIO di Giuseppe Martignetti   Erano le prime ore del pomeriggio, primo. novembre di qualche anno fa, nel cimitero vi era un viavai di gente ognuno in visita sulla tomba dei propri cari. Ed ecco che incontro i miei due nipotini, il primo di dieci anni, l'altro di sei; uno di essi mi chiese di comprare dei lumini da accendere, come altre volte, presso la....
Leggi di più 0 Commenti 4275 Visite 5 Stelle
Ciccone scritto il 28 November 2010, 18.59 da in C'era una volta
Ciccone
CICCONE   Per tutti era Ciccone. In realtà, si chiamava Francesco. Sessantenne, tozzo, eppure un vispo giovanotto. Difficoltà intellettive. Una famiglia poverissima. Fratelli all'estero. Alcuni con problemi di giustizia. Lo vedevi ogni giorno in piazza, d'estate e d'inverno. A chiedere un "sicario" o un bicchiere di "cocò". Tra la neve con gli zoccoli. Preceduto da un intenso odore di....
Leggi di più 0 Commenti 4216 Visite 5 Stelle
La Palata scritto il 28 November 2010, 18.59 da Administrator in C'era una volta
La Palata
La Palata   La Palata,· il mare di Montefalcione. Seducente. Peccaminosa. Avventurosa. Lontana,· in un fitto castagneto, attraverso campi di felci, cespugli spinosi, sentieri di funghi e serpi. Per tracciato, l'ansia di giovani semplici e vivaci, una conca poco profonda. Piccola quanto un pugno; grande quanto la frenesia di emozioni adolescenziali. Alimentata da un ruscelletto, dal desiderio di....
Leggi di più 0 Commenti 3884 Visite 0 Stelle
'Grelle scritto il 28 November 2010, 18.58 da Administrator in C'era una volta
'Grelle
'NGRELLE   Il suo Dio era la cabala. Il lotto. In una tasca migliaia di fogliettini. Sopra una infinità di numeri. Quando li estraeva, era una sorta di magia, un rito. Sebbene raccolti insieme, alla rinfusa, mescolati a noccioline o granelli di terra o ciuffi d'erba, erano pagine di una profana bibbia da rispettare con sacra solennità. Ambi, terni, quaterne. Un fatto, una parola, un gesto, un....
Leggi di più 0 Commenti 4300 Visite 5 Stelle
Il Cinema Vittoria scritto il 28 November 2010, 18.57 da Administrator in C'era una volta
Il Cinema Vittoria
IL CINEMA VITTORIA    Quando fu proiettato· "Helga", vietato ai minori di 18 anni, riuscii minorenne con un altro mio coetaneo ad entrare nel cinema Vittoria con uno stratagemma. 'Ngrelle, la maschera, però, ci scoprì e fu un saltare tra banchi e scalini per fuggire senza mai distogliere lo sguardo dallo schermo. In sala si sentiva un caldo ansimare. "Helga" era un film-documentario svedese,....
Leggi di più 0 Commenti 4085 Visite 0 Stelle