Proverbio "Popolare"
O Patrone diventa parzonale, e o parzonale diventa patrone (Il padrone diventa colono e il colono diventa padrone)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

Montefalcione verso la strada del cambiamento

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

Riceviamo e pubblichiamo

articolo di Simona Russo

Dai risultati nazionali si evince che non c’è stata un’avanzata del M5s oltre il 25%, ma si sono persi circa un milione di voti, scendendo al 21%. Inoltre, l’aspetto che più ha colpito è stato l’inaspettata e fortissima avanzata del Pd al 41%. Molto probabilmente c’è stata una “vittoria del sistema” che si è compattato intorno ad un unico partito, con la quasi scomparsa di molte liste che erano presenti alle scorse politiche del 2013.

Un altro dato importante è l’astensionismo che è cresciuto di circa il 10% in un anno, forse perchè gli italiani danno meno importanza o sentono più lontana la politica europea rispetto a quella nazionale e locale.

I risultati delle europee, a Montefalcione hanno confermato la stessa tendenza dell’astensionismo nazionale ma al contrario non c’è stato il marcato distacco tra il Pd e il giovane movimento 5 stelle, anzi rispetto alle scorse politiche si è mantenuto costante in termini di numeri di voti e di percentuali; il movimento 5 stelle è aumentato al 27% (6 punti percentuali in più) restando la seconda forza politica dopo il PD a Montefalcione.

La destra è in forte calo anche a Montefalcione i voti dei Montiani e di Casini si sono dispersi tra FI e NCD, mentre il gruppo montiano con la lista scelta europea si è polverizzato nonostante la presenza delll’esponente parlamentare locale D’agostino; l’estrema sinistra è in difficoltà, i voti di SEL sono confluiti nella lista l’altra Europa con Tsipras (che ha ottenuto il 5,34%, un relativo successo in linea con le percentuali nazionali).

Anche a Montefalcione, così come in tutta Italia, il Pd ha avuto un unico avversario, il M5S, ma nonostante che partiti come il Pd, scelta europea e NCD erano fortemente rappresentati da politici locali, presenti sul territorio già da molti anni (decenni), il M5S, comunque, gli ha saputo tener testa e addirittura aumentare in percentuale rispetto alle politiche scorse. Seppure sia vero che, bisogna tener conto del forte astensionismo, sembra che la tendenza dei cittadini montefalcionesi è quella del cambiamento e di distaccarsi dalla “vecchia politica locale”, dando fiducia ad un movimento giovane (nato da pochi anni). Dal confronto dei dati con le scorse politiche è risultato che il M5S conferma un notevole grado di radicamento elettorale e crescita della sua originaria percentuale, nonostante abbia perso in numero di voti; anche il Pd non ne ha guadagnati e altri partiti addirittura li hanno persi. E’ probabile che il Movimento mantiene quel forte peso nell’elettorato più giovane, non più legato alla vecchia politica del “voto di scambio”, esprime il proprio voto finalmente in modo completamente libero, non si lascia pù influenzare da nessuna figura politica locale e decide in modo autonomo e consapevole.

Per quanto riguarda l’incremento delle astensioni in questo tipo di elezioni, dipende più che da una disaffezione verso il partito precedentemente votato da una disaffezione verso le istituzioni europee, per le quali non si ha un forte interesse.

Infine, da questo risultato si evince chiaramente che se da un lato i cittadini montefalcionesi sono fortemente sfiduciati dalla politica e dalle istituzioni che hanno operato nel paese negli ultimi decenni rispondendo con un forte astensionismo, dall’altro però è forte la voglia e la volontà di un reale cambiamento del sistema politico riconfermando la loro fiducia nel Movimento 5S.

E’ il m5s, l’unica forza in questo momento in grado di portare avanti un reale cambiamento politico?

Il movimento 5 stelle in questo momento è l’unico in grado di rendere partecipi i cittadini alla vita politica e soprattutto nel prendere decisioni attraverso la “democrazia diretta” e riportare tutti i cittadini a scegliere i propri rappresentanti in modo consapevole e libero.

La strada del cambiamento è ancora molto lunga ma a Montefalcione sembra che vi sia la voglia di incominciare a percorrerla, con la presenza di cittadini attivi sul territorio con l’obiettivo comune di realizzare iniziative e proposte al fine di valorizzare idee e prospettive per uno sviluppo sia sociale sia economico di Montefalcione.

Simona Russo

Ultimo aggiornamento (Lunedi 16 Giugno 2014 17:12)

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.