Indovinello "Popolare"

Int’ ‘a l’uorto nce stà na cosa tonna ca tene li pili comm’a na cionna.
(La cipolla)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

Dio creò

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Il primo giorno, Dio creò la mucca e disse:
‘Dovrai andare nei campi con il contadino, soffrire tutto il giorno sotto il sole, figliare in continuazione e farti spremere tutto il latte possibile. Ti concedo un’aspettativa di vita di sessant’anni.’
La mucca rispose:
‘Una vita così di merda, e me la vuoi anche far vivere per sessant’anni? Guarda, venti vanno benissimo, tieniti pure gli altri 40′.
E così fu.
Il secondo giorno, Dio creò il cane e disse:
‘Dovrai sedere tutto il giorno dietro la porta d’ingresso abbaiando a chiunque si avvicini. Ti do venti anni di vita.’
E il cane:
‘Vent’anni a rompermi le palle e a romperle agli altri? Dieci andranno benissimo, tieniti tutti gli altri.’
E così fu.
Il terzo giorno, Dio creò la scimmia e disse:
‘Dovrai divertire la gente, fare il pagliaccio e le espressioni più idiote possibili per farli ridere. Vivrai 20 anni.’
E la scimmia:
‘Vent’anni a fare il cretino? Mi associo al cane, te ne restituisco dieci.’
E così fu.
Finalmente, Dio creò l’uomo, e disse:
‘Tu non farai altro che mangiare, dormire, trombare e divertirti come un matto. Niente lavoro. Ti do venti anni di vita.’
E l’uomo:
‘Come, venti anni? Solo vent’anni di tutto questo bengodi? Senti, ho saputo che la mucca ne ha restituiti quaranta, il cane dieci e la scimmia ancora dieci. Sommati ai miei venti, fanno ottanta. Dalli tutti a me, ok?’
E così fu.
Ed ecco spiegato perché:
- per i primi venti anni di vita non facciamo altro che mangiare, dormire, giocare, trombare, godercela e non fare un cazzo
- per i successivi quaranta lavoriamo come negri per mantenere la famiglia
- per i successivi dieci facciamo i cretini per far divertire i nipoti
- gli ultimi dieci li passiamo rompendo i coglioni a tutti.

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.