Proverbio "Popolare"
No' sputà ncielo, ca 'nfacci te vene (non sputare in alto, perchè lo sputo torna a te)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

MONTEFALCIONE, GRASSI: IL SINDACO SI PRENDA LE SUE RESPONSABILITA'

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

MONTEFALCIONE, GRASSI: IL SINDACO SI PRENDA LE SUE RESPONSABILITA'

 Corriere del 24/11/2011

MONTEFALCIONE - «Amministrare una comunità significa anche avere l'onestà intellettuale, la maturità politica e la capacità argomentativa di motivare le proprie azioni» così l'ex sidnaco Vanda Grassi.

L'immobilismo e l'inadeguatezza dell'attuale Amministrazione del Comune di Montefalcione prendono forma con le continue inadempienze che i cittadini del mio comune sono costretti a subire.

Ma, in qualità di sindaco uscente, ho il dovere morale e civile verso i miei concittadini di soffermarmi su un problema molto avvertito nella mia comunità; relativo all'introduzione della T I.A. (la tariffa dovuta per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani), la cui adozione sarà obbligatoria per tutti i Comuni della Regione Campania, dal 1 ° gennaio 2012.

La decisione fu assunta dal Consiglio Comunale circa tre anni or sono con l'istituzione di apposita Commissione Consiliare (a cui fu affidato il compito di redigere un regolamento che disciplinasse il passaggio dalla TARSU alla TI.A.) eletta all'unanimità con la nomina, quali componenti, dei Consiglieri Selvetella Rinaldo, Polcaro Antonella (successivamente dimessasi), Belli Mario e Musto Antonio. La commissione varò iI regolamento a fine 2010 e quindi l'approvazione avvenne ad inizio del corrente anno, stante il termine dì approvazione del bilancio al 31 marzo 2011. La nuova amministrazione ha avuto tutto il tempo necessario per integrare, migliorare o revocare il regolamento di introduzione della TIA., in quanto i termini di approvazione del bilancio furono prima prorogati al 30 giugno e successivamente al 31 agosto 2011, e quindi entro tali termini potevano essere riapprovati tutti i regolamenti, nonche' il bilancio stesso.

Evidentemente l'Amministrazione Belli non ha ritenuto di dover procedere ad una revisione o revoca del regolamento, tant' e' che ha approvato i coefficienti per l'applicazione della TIA con delibera di Giunta N. 57 del 21.06.2011. Voglio rammentare al sindaco Belli che, se volesse migliorare il servizio di raccolta dei rifiuti, le spese dovrebbero essere tutte coperte dai proventi ricavati dalla TIA, cioè dalle tasche dei cittadini, e quindi non è giustificato dire che ciò non viene fatto perché c'è un deficit di bilancio. A tal proposito invito la Belli a non dire falsità. II conto consuntivo 2010 chiude con un avanzo».

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.