Indovinello "Popolare "
Tutte le femmene ‘a teneno sotta: chi ‘a tene sana e chi ‘a tene rotta;
(La gonna)
TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

Convegno del Partito democratico a Montefalcione

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Convegno del Partito democratico a Montefalcione con mancino, De Luca e Lengua

MANCINO: LA ROTTAMAZIONE E' NECESSARIA

Corriere dell'Irpinia di Gianni Festa

l'EX PRESIDENTE DEL SENATO LANCIA UN MONITO AL PD: <<SOLLECITARE LA MILITANZA SENZA SE E SENZA MA>>. UN LUNGO E CALOROSO APPLAUSO ACCOMPAGNA LA RICHIESTA DI UN SUO IMPEGNO DIRETTO

PD1Nel corso del suo applaudito intervento svolto per la prima volta in una sezione del Pd, e proprio nella sua Monte falcione, il Presidente Mancino ha lanciato un forte monito ai dirigenti del partito: «Non smorzate l'entusiasmo. Vorrei che, come questa sera, in tanti altri circoli della provincia si tenessero dibattiti con militanti, per compiere riflessioni sulla. vita del'partito. Occorre aprire le porte alla militanza perché il giorno in cui il partito si apre la circolazione di idee e di nuova linfa non può che arricchirlo e farlo crescere». Perché oggi, aggiunge Mancino, «senza l'apporto di nuove generazioni non si va da nessuna partei perché c'è un vuoto di pensiero senza quella necessaria concretezza che implica responsabilità». Non manca, infine, una stoccata alla Regione «immobile» e ai partiti «rinchiusi in se stessi».

MONTEFALCIONE - Quei tre minuti di applausi, convinti e sinceri, chiedono al Presidente Nicola Mancino un suo impegno diretto nel Pd, perché, come dice il seri De Luca, «che tu voti Pd per noi è poco, vogliamo di più». Ma lui, l'ex presidente del Senato, si schermisce e Veste gli abiti del padre nobile, di chi, con esperienza ed autorevolezza, si candida a interpretare il malessere giovanile, auspicando che le nuove generazioni siano più interessate al dibattito e ritrovino le motivazioni per nutrire la buona politica.

PD2E' un Mancino che evidenzia tutte le preoccupazioni per lo stato in cui versa il Paese, che riflette ad alta voce ammonendo che occorre capirei segni del tempo in cui il resistere è subordinato al creare. Nella sezione del circolo del Pd la gente si accalca. Sono in tanti, quadri dirigenti, iscritti, militanti del Partito democratico, all'appuntamento con Caterina Lengua, segretario del partito, il seri. Enzo De Luca e il presidente Nicola Mancino che qui è di casa.

Ci sono il sindaco di Avellino Galasso, i dirigenti De Stefano, De Blasio, Venezia, ecc.


Il convegno, moderato da Gianni Festa, prende avvio con un saluto-introduzione di Felice Ruggiero, segretario del circolo. Robusta, per t tempi e per i contenuti, la riflessione di Ruggiero che spazia dall'analisi sulla crisi del governo a quella della politica, evidenziando il ruolo del Pd e chiamando a nuovo impegno i democratici. Cosa che si coglie anche nell'intervento di Caterina Lengua che sprona, a conclusione di un'analisi serrata sullo stato della politica, ad un maggior protagonismo, sollecitando spirito di servizio e rilancio dei temi valoriali.

Ottimo il suo dire che si carica di grande passione civile, ma anche di ragionata autocritica, giungendo a pronosticare un eguale destino tra terzo polo e Pd. ,E il seri. Enzo De Luca, con un pizzico di orgoglio, sottolinea il grande ruolo di responsabilità che ha avuto il Pd nella crisi di governo, favorendo ad un voto premiante un atteggiamento responsabile nei confronti di Monti. De Luca non tralascia la vicenda locale rivendicando a sé e al gruppo dirigente la raggiunta unità nel partito provinciale. E' da qui, dice De Luca, che bisogna ripartire a far politica. La chiusura dell'interessante convegno è di Mancino.

Lascia cadere gli inviti e gli appelli, ma dice anche di non essere insensibile alle tante sollecitazioni che gli vengono rivolte. Le accetta dialogando, parlando per città e paesi,-per aiutare un processo di crescita in corso. La strada da percorrere è ancora lunga e non senza ostacoli. Ma occorre anche qui rottamare, aiutare a crescere una nuova classe dirigente, perché solo così si può contribuire a creare la speranza oggi. offuscata. E, concludendo, si sofferma sul ruolo importante dei cattolici in politica, partendo semmai dalla dottrina sociale della Chiesa e dal suo sempre attuale insegnamento.

Ultimo aggiornamento (Domenica 13 November 2011 10:32)

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.