Indovinello "Popolare"

È tunno e non è munno, è verde e non è ereva, è russo e non è fuoco, tene acqua e non è mare.
(Il cocomero)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

Il Consiglio Direttivo della Pro Loco “Emilio Ruggiero” di Montefalcione.

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

Riceviamo e pubblichiamo

LA DENUNCIA DELLA PRO – LOCO “EMILIO RUGGIERO” DI MONTEFALCIONE. L’AMMINISTRAZIONE BELLI PUNTA AL TURISMO…MA SI DIMENTICA DI NOI!

LOGO PROLOCOIl direttivo dell’Associazione Pro Loco “Emilio Ruggiero” di Montefalcione ha letto con grande disorientamento e non poco scoramento le dichiarazioni dell’Amministrazione Comunale di Montefalcione, riportate nell’articolo a firma di Rosy Cefalo, sul numero di Ottopagine del 13 luglio c.a. dal titolo “Montefalcione. Il Sindaco Belli ed il turismo possibile”.

Nella piena consapevolezza che vale il principio “de gustibus” e che libertà di opinione, pensiero ed informazione sono i principi fondanti di un ordinamento democratico, tuttavia, riteniamo importante muovere una serie di riflessioni.

La Pro Loco è un’associazione di promozione turistica impegnata nel coniugare la tutela e la salvaguardia delle specificità locali con la vocazione allo sviluppo della crescita sociale ed al miglioramento del benessere. Questa l’identità associativa indicata dalla nostra associazione nazionale, l’UNPLI, e che è inserita nel nostro Statuto. Una missione racchiusa nella denominazione riconosciuta dalle leggi vigenti: “Associazione Turistica Pro Loco di….”.


“ E’ un progetto ambizioso che non raccoglie manifestazioni isolate, ma che avvia nel tempo un discorso importante per il turismo locale. Intendiamo valorizzare e promuovere le comunità e per farlo dobbiamo dare smalto per l’intero anno ai nostri territori. Dobbiamo trovare la giusta sinergia anche per innescare un meccanismo positivo di indotti, dare impulso e creare serie condizioni di sviluppo”, queste le parole del sindaco Belli.

Ci viene spontaneo chiederci di quale valorizzazione e promozione della comunità si starebbe parlando se un’associazione locale, che ha avuto riconoscimenti regionali, è tagliata fuori anche solo dalla programmazione partecipata della proposta progettuale? E di quale tentavi per trovare una “giusta sinergia”?

Ed ancora, l’Assessore al ramo dichiara “La comunicazione del messaggio culturale deve essere la caratteristica principale di questa iniziativa, questo è un discorso di cultura che è legato al turismo.” La Polcaro vuole forse dietrologicamente comunicare che gli interventi sin’ora messi in campo dalla nostra Associazione appartengono ad un turismo commerciale, immaginifico ed aleatorio?

Se è questo che pensa, beh! lo dica serenamente, senza messaggi tra le righe e “zeppatelle” velate.

Che ciascuno, finalmente, si prenda le responsabilità dei propri pensieri!

Il pluralismo è un altro degli indicatori di democrazia. Ma presuppone una qualità personale unica: il coraggio.

Ed inoltre, chi amministra, riteniamo non debba affidarsi a chiacchiere da bar o quanto meno fomentarle, piuttosto sarebbe opportuno attenersi ad un profilo istituzionale ed una etichetta pubblica.

Abbiamo vissuto ore difficili e sofferte dopo la condotta sorprendente e miope adottata dagli amministratori montefalcionesi che, incuranti del loro patto di rappresentanza verso e per TUTTA la cittadinanza e non solo i loro ELETTORI, hanno omertosamente fatto finta di non vedere e non ascoltare quanto stava accadendo nella nostra comunità all’indomani del diniego ad autorizzare la manifestazione “Per le Vie del Borgo” nelle tre tradizionali giornate.

Il “niente sacciu” appartiene ad una cultura troppo lontana da noi.

Un buon esempio di gestione della cosa pubblica sarebbe quello improntato al principio del “buon padre di famiglia” peraltro riconosciuto dal nostro Codice Civile in ogni forma di mandato, anche quello amministrativo.

Invece, nulla si è fatto per ottemperare a questo alto compito, facilitando di fatto uno scontro tra due fondamentali soggetti della società civile: il Comitato dei festeggiamenti di Sant’Antonio e Santa Lucia e la Pro Loco, che altrimenti, ASSIEME, dovrebbero essere la spina dorsale del turismo e della cultura, ambiti a cui ora i nostri amministratori sembrano essersi, all’improvviso, appassionati.

Ora BASTA!

Abbiamo preso abbastanza tempo per riflettere sulla situazione, valutando opportunità e criticità, minacce e punti di forza. Abbiamo osservato un silenzio meditativo, fatto di tanti “se” e tanti “ma”.

Ora la situazione ci è chiara. Ecco perché “Per le Vie del Borgo” alla sua decima edizione non è stata autorizzata. In ballo c’è una posta più alta.

E’ in atto un percorso che ha un unico obiettivo: demolire e distruggere la Pro Loco “Emilio Ruggiero” di Montefalcione.

Un’associazione scomoda perché libera, trasparente, unita, resistente ai pettegolezzi con i quali hanno tentato e tentano quotidianamente di dividerci, sminuirci e farci perdere di credibilità. Un’associazione trasversale per età, appartenenze politiche e di idee di pensiero.

Quindi, un’Associazione troppo autentica, anche nell’affrontare le sue conflittualità, per prestare il fianco al gioco dei “potenti”.

Cari Amministratori, pubblicamente vi comunichiamo che siamo delusi dal vostro atteggiamento ostile verso un’Associazione che MAI ha mostrato ostilità nei vostri confronti.

Vi invitiamo a prendere visione del video della manifestazione svoltasi il 2 giugno in piazza a Montefalcione. I nostri rappresentanti hanno dimostrato cordialità, propositivismo e piena disponibilità a cooperare e mettersi in discussione.

Molto probabilmente, tuttavia, il senso di frustrazione di amministratori che millantandosi come “volti nuovi” sono, invece, una “minestra cotta e stracotta”, l’egocentrismo cieco che porta con sé il potere come pericolosa conseguenza collaterale quando esso non nasce da una coscienza e consapevolezza civica vi stanno guidando in una strada che non porterà a “sinergie” né ad “un territorio che accoglie ed è accogliente” ma più tristemente ad una comunità ridotta a brandelli, senza cuore e senza anima,a nche se con qualche artistello in più e una luminaria più appariscente.

Per le Vie del Borgo, come vedete, ci ha insegnato molto più di quanto potreste immaginare.

Montefalcione, 13 luglio 2011

Il Consiglio Direttivo della Pro Loco “Emilio Ruggiero” di Montefalcione.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 15 Luglio 2011 10:45)

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.