Indovinello "Popolare"

‘O mini cricco e ‘o cacci muscio.
(Il maccherone)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

Belli: «In campo per cambiare»

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Belli: «In campo per cambiare»
E al Pdl dice: «Mai fatto accordi»

Corrire dell'Irpinia

Il candidato alla carica di sindaco per “Lavoriamo Insieme”, presenta la sua squadra: al primo posto c’è la trasparenza nella gestione del comune

La campagna elettorale ormai è aperta. Messa alle spalle la fase delle trattative serrate per la composizione delle liste, i candidati si preparano a presentare i programmi ai cittadini. In campo, per la compagine “Lavoriamo insieme”, c’è la dottoressa Maria Antonietta Belli, che sfiderà l’imprenditore Angelo D’Agostino, capolista di “Prima Montefalcione“. Una compagine che la Belli definisce «giovane, piena di persone nuove che hanno voglia di fare. Solo in tre hanno una precedente esperienza amministrativa. Si tratta di una lista, dunque, che ai cittadini di Montefalcione propone il cambiamento e l’innovazione ».

Al primo punto del suo programma , la Belli mette la gestione trasparente della cosa pubblica: «Fino ad oggi l’amministrazione, in questo comune, è stata appannaggio di poche persone. Bisogna, invece, dare la possibilità ai cittadini di partecipare alle scelte e alle decisioni. Altri settori sui quali bisogna intervenire sono l’edilizia e il sociale. C’è molto da fare. La lista sarebbe lunghissima. Nei prossimi giorni illustreremo tutto punto per punto. Ai miei concittadini spiegherò anche perché sono scesa in campo. C’è la voglia di cambiare, le persone ne sentono l’esigenza e me l’- hanno manifestata. Poi ho trovato un gruppo che è pieno di voglia di fare per il bene della comunità. In tasca non ho tessere di partito, sono una esponente della società civile che vuole impegnarsi per il proprio paese». Resta sullo sfondo la polemica sul mancato accordo con il Popolo della Libertà. Nella lista di Belli, infatti, mancano esponenti del partito di Berlusconi. «Una polemica – chiosa l’aspirante sindaco - venuta fuori in maniera sciocca. Un vero accordo non c’è mai stato. Contro di loro non c’è mai stato niente, così come mai c’è stato un reale avvicinamento. Al Pdl dico che dovrebbe votarmi perchè io sono il cambiamento, la novità». Infine, la Belli si augura che la campagna elettorale possa essere basata sui contenuti, sui programmi, sulle cose da fare. E assicura che si impegnerà perché ci possa essere un confronto serio e proficuo.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 20 Aprile 2011 15:05)

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.