Indovinello "Popolare"

‘O mini cricco e ‘o cacci muscio.
(Il maccherone)


TRADIZIONI
C'era una volta
ARTISTI LOCALI
Home Archivio Articoli

Pd – Sel

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Pd – Sel la notte delle trattative

Corriere dell’Irpinia 31/03/2011

Giorni cruciali e concitati, a Montefalcione, sul versante della dialettica politica. A tenere banco, da destra a sinistra, il nodo alleanze in vista del voto di primavera. Proseguito sino a tarda sera, il faccia a faccia tra i vertici del Partito democratico e di Sinistra Ecologia e Libertà per verificare le condizioni di una possibile intesa attorno alla candidatura di Angelo D'Agostino, sulla base dell'apertura avanzata dai democratici ad una lista con una forte componente vendoliana. Proposta alla quale, pur non sottraendosi, i vertici di Sel hanno replicato ponendo come imprescindibile condizione la composizione dal forte carattere politico della lista a sostegno di D'Agostino, attraverso candidature selezionate esclusivamente dai partiti.

Solo in tal modo, questa è la posizione dei rappresentanti di Sel, si potrà affermare il carattere politico dell'intesa e, con esso, il controllo dei partiti sull'azione amministrativa. Sullo sfondo, qualcosa si muove anche sul versante candidature. Nel quadro di un'intesa organica di centrosinistra dall'esplicita cifra politica, per Sel appare certa la candidatura di Rita Labruna mentre per il resto dei posti in lista le trattative sono appena cominciate. Per il Pd, invece, accanto al nome dell'attuale vice sindaco Giovanni Freda, appare scontata la discesa in campo di volti orbitanti nell'alveo dei Giovani democratici come pure di uomini vicini all'area Ruggiero. Dall'altra parte del campo, si rileva l'attendismo di Giuseppe Ruberto, coordinatore del Pdl e architetto di un progetto dal chiaro profilo civico con in dote un rilevante pacchetto di voti, che continua a dirsi aperto al dialogo con tutte le forze in campo su di un programma chiaro per il futuro di Montefalcione (Puc e federalismo i punti centrali), al di là delle distinzioni dovute all'appartenenza partitica.

Un attendismo, quello di Ruberto, che potrebbe trovare ragione in un possibile accordo civico con D'Agostino, una volta saltata definitivamente l'intesa con Sel. Ma se le pattuglie di Ruberto restano per il momento a guardare, tra le fila dell'Udc resta prioritario il nodo Pericolo, vero sponsor della candidatura di Annamaria Belli, a quanto'pare in dissenso con i vertici provinciali del partito e pronto a disimpegnarsi dalla partita.

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.