TRADIZIONI POPOLARI


Vai ai contenuti

PREGHIERE E CANTI

Preparazione alla Comunione



Signore, m’accosto ai vostri Sacramenti
addò se dispenza ‘o pane re lo Cielo,
nell’Ostia, sotto il bianco velo,
io crero ca ‘o vero Dio nce sia.
Vo’ bene a l’anima mia, Dio ca me chiama
e non so’ degno ca l’amato mio Signore
venga nel petto mio ad abitare.
Sopra quel Santo Ardaro pe’ me stà preparato;
m’accosto umiliato e con timore,
servo re tanto Amore, cibo r’eterna vita.
Vieni, vieni Giesù: me fazzo nnanzi a pieri e te ringrazio.
Tutto me sento sazio: sto core è affritto e t’amo.
Tre passi vogghio fà ncoppa sto Sant’Ardàre:
uno p’amore, uno pe’ ddolore e uno pe’ riceve Nostro Signore.
Scinniti, Angili santi, scinniti tutti quanti:
io me vào a pigghià ‘o vero Figghio re Maria.
Benvinuto, benvinuto, vero Prencepe assoluto:
ra cielo sì calato, cacciatore nnammorato.
Te sì fatto Pargoletto pe’ binire in questo petto.
Te sì fatto picculino pe’ binire stammatina.
Caro pegno, caro pegno,
io t’abbrazzo e po’ te strengo:
io te tengo rint’ ‘o core
come sposo e mio tesoro.
Io te tegno rint’ ‘a sto petto
come sposo mio riletto.




Prima della Comunione



Anima mia, scópati la casa
ca lloco adda vinì lo tuo Sposo.
Fanci quatto carezze quanno trase,
ralli n’atto r’amore grazioso.




Dopo la Comunione



Lengua mia, chi t’ha toccata?
L’Agnello Immacolato!
Chi sì Tu e chi so’ io? –
Io so’ verme e Tu sì Dio!




Preghiera per un’anima del Purgatorio



Giesù mio dorge amande
a quell’anima purgande
col tuo sangue prezzioso
ranci requia e riposo.




‘A notte re Natale



‘A notte re Natale
è ‘a notte principale:
no ove e no ciucciariello,
San Giuseppe lo vecchiariello.
San Giuseppe faceva la fassa
la Maronna lo pigghia e lo nfassa.
Po’ lo mette nconnolina:
fà la nanna mio Bambino!
Io non pozzo fà la nonna
si non canta la Maronna.
La Maronna azào la voce
e Giesù Cristo murìo ncroce.




Canto per la via Crucis


Giesù mio co dure funi
chi crorele ti flagellò?
Sono stato io l’ingrato,
Giesù mio perdon pietà!
Giesù mio la sacra testa
chi re spine t’incoronò?
Sono stato io l’ingrato,
Giesù mio perdon pietà!
Giesù mio lo sacro corpo
chi co la spata ti trapassò?
Sono stato io l’ingrato?
Giesù mio perdon pietà
Giesù mio le sacri mani
chi ha la Croce te gnovò?
Sono stato io l’ingrato?
Giesù mio perdon pietà
Giesù mio li sacri pieri
chi co li chiuvi ti trapassò
sono stato io l’ingrato,
Giesù mio perdon pietà




Canto dei pellegrini al Santuario di Montevergine


ANDATA


Oj Maronna quanto sì bella
stai ncopp’a ssà montagnella!

E nce stai Riggina e Bergine
e ghiamo tutti a Mondovergene!

Mondovergene, Mondovergene
quanta razzie vulìmo ra te!

Tutti scaozi e scapillati
te vinimo a ringrazzià!

E ngnanàmo la Scala Santa
e gnanamola tutti quanta!

Arrivamo abbascio Avillino
e la Maronna mo s’abbicina.

Arrivamo a lo Spidaletto
e la Maronna a nui nce aspetta.

Chi vo’ razzie ra Mamma Schiavona
ca sagghiesse lo Montagnone.

‘O Montagnone stamo sagghienno
e quanta razzie ca stamo avenno!

Avimo camminato tutta stanotte
pe’ binì addò stà ‘a Mamma nosta.


‘A Maronna nge ha dato l’aiuto
pe’ fà cchiù ambressa sta sagghiuta.

Simo arrivati a lo portone
vienici aprì, Mamma Schiavona!

‘O portone è sbalanzato
ma le luci stanno stutate.

‘A Maronna ha spaso lo Manto,
e nce accogghie tutti quanta.


RITORNO


Statti bona, Maronna mia
è fatto juorno e nce n’avìma ì.

Statti bona, Maronna mia
l’anno chi bene tornàmo a binì.

Ma si stessemo cchiù bicini
nce venessemo ogni matina.

E siccome stamo lontano
nce virimmo na vota a l’anno.

E si mo ce vengo sola
l’anno chi bbène no bello uaglione.

E si mo nce vengo zita
l’ anno chi bbène no bello marito…

E si no’ nce virìmo re viso
nce virimo mparaviso.
Mparaviso le belle cose
E chi nce vene s’arreposa.

A l’inferno la malaggente
chi nce và po’ se nne pente.

Ma non serve lo pintì
si nce trasi no puoi cchiù ascì

Non ce serve a lacrimà
Si nce trasi no puoi scappà.

Sìmo juti e sìmo vinuti
E quante razzie c’avìmo avute.

E co tutta stà compagnia
statti bona Maronna mia!

E si non ce virìmo quà
nce virìmo a l’eternità.

E si non ce virìmo cchiù
Maronna bella aiutaci tu.


Preghiera a Sant’Antonio



Sant’Antonio mio benegno
re prearvi non so’ degno,
come Nostro Protettore
preo Dio lo Saravatore!
Int’ ‘a sta vita castigata
tririci razzie Dio t’ha date
e ci ha dato lo Responzorio
fanci razzie Sant’Antonio!
Sant’Antonio, o Re Divino
era nfermo e lo Bambino
int’ ‘a quiro libbro ca leggeva
tra le bbrazza le appareva.
Le rifioreva no bianco giglio
liberanci ra ogni piriglio.
Visita nfermi e carcerati,
bisognosi e tribbolati,
maritate e vedovelle
e voi vergini orfanelle.
Si ‘a rrobba vui pirditi
a Sant’Antonio ricurriti.
Ricurrimo a Sant’Antonio:
isso ce ròna la sua Vittoria!
Ce stà scritto ‘a ‘o Tabbernacolo:
Sant’Antonio fà gran miraculi.
Gran miracolo rimostrasti:
lo tuo padre liberasti.
Era a morte condannato,
ra Sant’Antonio fu libberato.
Libberanci Sant’Antonio
ra ogni faozo tistimonio.
Chi pe’ mare e chi ncammino:
libberanci ra ogni assassino.
Libberanci ra acqua e fuoco,
Sant’Antonio in ogni luoco.

Preghiera serale


Io me corco, già me so’ corcato
e tre cose aggio chiamato:
Cunfissione, Cummunione e Uogghio Santo
nel nome del Padre, del Figlio e Spirito Santo.
A capo a ‘o lietto mio
ce stà Signore Dio,
e ce stà ‘a lato
‘a Maronna Addolorata
e ‘a pieri ce stà l’Angilo ca prea.
Maronna mia bella
stai vistuta ra monacella,
accompagnami stanotte
ca non fazzo male morte,
accompagnami ‘a matina
ca non fazzo male fina.
San Francisco muoneco ‘e Giesù Cristo
uardami fino a ca non m’addurmisco.
Si ‘o riavolo me vene a tantà
San Francisco me pozza aiutà
Vita breve, morte certa:
del morire l’ora è incerta.
Un’anima sola si ha,
si se perde che sarrà?
Si perdo ‘o tiempo ca tengo mo’
a l’ato munno non ne avrò.
Finisce tutto, finisce priesto:
l’Eternità non finisce mai.




San Giuseppe


San Giuseppe viecchio e santo
ncapo tene ‘o Spirito Santo,
mmano tene no bello ciore
e mbrazza tene lo Saravatóre.
Riletto sposo re Maria
aiutami mpunto r’ ‘a morte mia.




Verbo ncaro



Verbo saccio e Verbo voglio dire
Verbo re Dio e re Nostro Signore
quann’Isso ìo a la Croce a murire.
Tanto era bella quera Croce:
non era nì de carne e nì de legno:
era re Verbo ncaro fattummèste.
S’affaccia la Maronna a la finesta
co no libbretto mmano e dice:
<Figghio, perdona a quisti peccaturi! >
<Mamma, no’ le pozzo perdonà,
mamma, issi me rennovano le chiaie;
lo Santo Sàpeto non vonno riunà:
la roméneca s’è botata a lunnirì.>
Chi sape lo Verbo re Dio ca se lo rice;
chi non lo sape se lo fa mparà.
Mpunto re morte sìmo condannato
co corde nfusse e spine re rannàti.
Chi se lo rice tre bote pe’ bia
Dio lo libera ra ogni malassassino;
Chi se lo rice tre bote a li campi
Dio lo libera ra saette e lampi.
Chi se lo rice tre bote a la notte
Dio lo libera ra ogni male morte.
Chi se lo rice tre bote a la Chiesa Sacrata
Dio lo libera ra tutti li peccati.




Meditazione serale


Ra capo a ‘o lietto mio
nce stà ‘o Signore Dio.

Vicino accanto accanto
nce stà ‘o Spirito Santo,

mmiezzo ‘a questa via
nce stà ‘a Vergene Maria,

arreto ‘a questa porta
nce stà Signora Morte.


-

Acqua santa beneretta
tu mi nfunni e tu m’annietti,
tu mi annietti li peccati
ra quer’ora ca so’ nato.
Ogni stizza ca va’ nterra
arrefresca li muorti sotto terra,
arrefresca li muorti nzeportura,
arrefresca st’anima mia annùra!



Spina pongente
Ca pungisti lo mio Signore
pungimi sto core
e cunvierti lo peccatore.



Santo Nicola a la taverna ieva:
era Viggilia e non se cammarava.
Risse a lo tavernaro: - Che tiniti?
“Tengo na ottazzella re saracche”.
Santo Nicola tre cruci nce fece
e tre criature facìo risuscità.




TRADIZIONI | PREGHIERE E CANTI | CANTI POPOLARI | FILASTROCCHE | NINNE NANNE | SCIOGLILINGUA | INDOVINELLI | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu