TRADIZIONI POPOLARI


Vai ai contenuti

INDOVINELLI

Gli indovinelli sono ormai in disuso e sono quasi eslusivo patrimonio degli anziani. Componimenti brevi e leggeri, gli indovinelli costituivano un tempo un momento di intrattimento e di gioco per la famiglia contadina che si riuniva la sera davanti al focolare o davanti all'uscio di casa a conversare con i vicini. Erano un esercizio di agilità mentale, un passatempo ed anche un motivo di allegria a cui partecipavano adulti e bambini, uomini e donne, che a turno dovevano indovinare oggetti di casa o attrezzi da lavoro, funzioni umane, sentimenti e aspetti della natura: insomma tutto ciò che stava loro attorno, nascosto sotto una veste apparentemente misteriosa. Una delle caratteristiche degli indovinelli anche di quelle proposte in presenza dei bambini, era il doppio senso, cioè la metafora di carattere sessuale che lasciava intendere una risposta che si rifaceva ad organi o atti sessuali, mentre quella giusta rimandava ad oggetti comuni o innocenti attività del vivere quotidiano.




Pitta lo muro e pittore non è
porta la sarma e ciuccio non è
porta le corna e ‘ove non è
anduvina no poco che è?
(La chiocciola)


˜



Tutte le femmene ‘a teneno sotta:
chi ‘a tene sana e chi ‘a tene rotta;
(La gonna)

˜



Ce stà na cosa ca pare na pezzottola re caso:
va ncopp’a l’acqua e non s’abbagna,
va ncopp’ ‘o fuoco e non s’abbrucia
va ncopp’ ‘e spine e non se ponge.
(La luna)


˜



Chi ‘o fà, ‘o fà p’o venne;
chi l’accatta non l’ausa;
chi l’ausa non ‘o vere
(‘O taùto)


˜


Ce stanno ciento frati
ca pisciano uno nculo a l’ato.
(I tetti)

˜



Tengo na cosa longa e liscia
e ‘a tengo mmano quanno piscia …
(La bottiglia)


˜



‘O figghio re Pili Pilossa
non tene nì carne, nì pili e nì ossa
ma la mamma tene carne, penne e ossa.
(L’uovo)

˜


È tunno e non è munno,
è verde e non è ereva,
è russo e non è fuoco,
tene acqua e non è mare.
(Il cocomero)



˜



È àota quant’a no castiello
e fà ‘e perate quant’a n’auciello.
(La canna)



˜



Tata ‘o ngricca e mamma l’ammoscia.
(Il sacco di farina)



˜



Int’ ‘a l’uorto nce stà na cosa tonna
ca tene li pili comm’a na cionna.
(La cipolla)



˜



Quanno ‘o viecchio nfronfoléa
mmiez’e cosce le pennoléa.
(Il rosario)


˜



Ncopp’a na montagna ce stà Fulippo Stanga
ca se reie ncoppa na sol’anca.
(Il fungo)


˜



Ncopp’a na montagnella
ce stanno tante pecorelle
ma va ‘o lupo e le sgarrupa.
(Il pettine)


˜



Dui lucienti
dui pungienti
quatto zuocculi
e no stoppazzo.
(La mucca)



˜



È na cosa ca varda nterra e cogghie nfronte.
(La vulva)



˜


Non ‘o chiami e quiro vene,
non ‘o vatti e quiro allucca,
non l’acciri e quiro more.
(Il peto)


˜



‘O mini cricco e ‘o cacci muscio.
(Il maccherone)


˜



Scenne rerenno e sagghie ciangenno.
(Il secchio)


˜



Ncoppa no barcone
ce sta no uaglione:
se sponta ‘o caozone
e caccia ‘o battaglione.
(La pannocchia di granoturco)


˜


Mamma caora appesa steva,
e tata russo nculo le ieva.
(La pentola sul fuoco)

˜



Tengo na pezzottola re caso,
addò nisciuno curtiello nce trase.
(La luna piena)


˜


Ficca ficcanno,
rota rotanno,
fa quera cosa
e po’ s’arreposa.
(La chiave)


˜



Tengo no tautiello
co quatto murticielli.
(La noce con i quattro gherigli)

˜



È bello a beré
è caro a accattà
rìgnilo ‘e carne
e lasselo stà.
(L’anello)


TRADIZIONI | PREGHIERE E CANTI | CANTI POPOLARI | FILASTROCCHE | NINNE NANNE | SCIOGLILINGUA | INDOVINELLI | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu