TRADIZIONI POPOLARI


Vai ai contenuti

FILASTROCCHE

Le filastrocche costituiscono una delle forme poetiche pi semplici e pi antiche nella tradizione culturale dei popoli, non hanno un autore, ma sono il risultato della elaborazione comune della gente. Una volta, nell'ambito familiare, le persone producevano e recitavano filastrocche, le nonne le insegnavano ai nipotini, e cos potevano subire anche trasformazioni nelle parole, nel ritmo o nel contenuto. C'erano filastrocche per giocare, altre per fare addormentare i bambini (le ninne - nanne), altre per farli smettere di piangere, altre per insegnare loro delle conoscenze di base, altre servivano semplicemente per giocare con i suoni, divertirsi con le parole, formare canzonette e formule cadenzate in un' accozzaglia di sillabe, di parole, di frasi. Oggi, che la tradizione orale va man mano perdendosi e le filastrocche vengono per lo pi recitate in italiano, stato possibile recuperare soltanto questi pochi testi dialettali.

Nt, Nt, Nt!
Nzippa a capo int o com
ca vene o scarrafone
e te roseca o melone.



Nic, Nic, Nic
ce st na femmena ca te v.
E st ncoppa lo ciraso:
fi Nic ca mo te vasa.
E st ncoppa la tennecchia:
fi Nic ca te stennecchia.
E st ncoppa lauliva:
fi, Nic, ca mo tarriva!




Lamico quanno te vere
pav no piacere
tutto te cocciola.
Ma si po o vai a cerc
se mette a ghiastom.
Quanno te trova pe dananzi
rice: - Quisto diavolo ca me tenta!
Quanno te trova pe la via
rice: - Gis, Giuseppe e Maria!
Pe diebbiti no me mpenno
e manco ngalera vao.
Te fazzo na carta scritta
e quanno e tengo te le do.
Lo mese re iuorni quaranta
io paio a tutti quanta.
Lo mese re iuorni trentuno
non paio mai a nisciuno.



Rusina Rusinella, mette lacqua a e gallinelle,
e gallinelle fanno lova
e Rusinella non ne prova.



Aieri ietti a caccia,
sparai a no lepre paccio.
Lo portai a ron Nicola.
Ron Nicola non ce steva,
ce steva la mogghiere
ca mpastava zeppole e mle.
Ietti pe dice: - Rammene una -
e me ro no cauci nculo;
ietti pe dice: - Rammene quatto
e me ne ro no bello piatto.
Le mittietti ncoppa lo vango:
asco no sorece quatto quatto
e se mangiao tutto o piatto.
Asco la iatta ra sotta lo lietto
e se mangiao lo sorece priesto presto.



Mamma mia non me vatte
ca mo te conto no bello fatto.
Ietti pe lacqua a la fontana
e mancappo lo vardiano:
me pigghiao pe la mano
e me portao rint a lo grano




A o vallo, a o vallo
e z moneco a cavallo.
e z moneco e z moneco
tre curtielli rint o stommeco.
Tre curtielli, tre curtielli
e a manica re tre mbrelli.
E na maneca e na maneca
e naccetta co le grareche.
E laccetta e laccetta
e lo cuollo ca tannetta
e lo cuollo e lo cuollo
e li ruocculi co luoglio
e li ruocculi e li ruocculi
e le spine sotti zuocculi
e le spine e le spine
e na fella re virrinia
e na fella e na fella
e tre cocchie re zitelle
e tre cocchie e tre cocchie
e no mazzicariello e stucchi
e no mazzicariello e no mazzicariello
e na cora e picuriello
e na cora e na cora
e tre penne re pane
e tre penne e tre penne
come te mpuosti co ss menne!





A monaca quanno ngresta
o convento lo f trem.
Chiamamo la supiriora
e facmola castic.
A supiriora lha casticata
e o sicchio non cato
e o cato non sicchio
e o povero non ricco
e o ricco non povero
e a mela non sreva
e a soreva non mela
e a vilanza non statla
e a statela non vilanza
quiro re reto se otta annanzi
e quero re nanzi se mette arreto
e o ttorrone non copeto
e o copeto non torrone
e tu s no povero pepolone!







Caccia caccia corne
mammeta te scorna
te scorna ncoppa lacqua
e fai li figghi masculi,
te scorna ncoppa cennere
e fai le figghie femmene.



Peppo Peppo penna
chi lo tene e chi lo spenna,
chi o mette into tiano
Peppo Peppo o ruffiano.




Zompa zompetta
Maria e Lisabbetta.
Zmpeno ncopp o matarazzo
e a Maronna e pigghia mbrazza,
le pigghia pe lo viso
e le porta mparaviso.



Vava, vava, vava,
fai le zeppole e non me ne ri,
e ffai ianche e rosse
e me fai vin a tosse.








Michele, Michele
tene a iatta pe mogghiere,
tene sorece pe guarzone
Michele lo pepolone!



Tili, tili, tili,
la vecchia co li pili.
Tanti ca ne teneva
ca la fauci le meteva,
o ciuccio le carriava
e la machina le scognava.




Tarantella tarantella
scinnabbascio a sta portella
ca binuto o costone
e a portato la onnella
tutta nocche e fettuccelle.



A iallina zoppa zoppa
quanta penne porta ncoppa?
E ne porta trentaquatto:
uno, dui, trene e quatto.





Mo vene Natale
e no tengo renari
mappiccio la pippa
e me metto a fum.
E quanno re notte
sento le botte
me nfilo o cazone
e bao a ber.



Ntonio, Ntonio purmarola
pigghia o libbro e v a la scola
e o maesto non o vole
pigghia a mazza e o caccia fore .



Nd, Nd, Nd
nzippa a capo int a o rra
e si non a nzippi bona
se scatta a purmarola.




Nd, Nd, Nd
mitti a capo int o com
mittincella chiano chiano
pe non f male a o parrocchiano.
O parrocchiano ghiuto a messa
co quatto principesse
co quatto cavallucci:
curri comp ca muorto o ciuccio;
muorto int o pagghiaro,
curri comp c o palo mmano.



Cicchignacco ncopp a votte
chi lo tira e chi lo votta;
chi lo votta int a cantina
cicchignacco se veve o vino.



Rimani festa,
o sorece nfinesta,
a iatta int a cantina
tagghia o ppane e mette o vino:
mette o vino a carrafelle
e tagghia o pane a felle a felle.



Munz, munz, munz
ghiuta a zoccola rint o rra.
A signora non o vo cchi:
mangiatello tutto tu.



Caraesema secca, secca
se mangiava e pacche secche;
le ricietti: - Rammene una
e me chiavo no cauci nculo;
le ricetti: - Rammene nata
e me chiavo na zoccolata.






Quanno mammeta f a cazetta
o mazzicariello add lo mette?
Si lo mette arreto a i rini
f e cazette pi pillirini;
si lo mette arreto a porta
f e cazette po o vardaporta;
si lo mette rint o lato
f e cazette p o nnammorato;
si s o mette rint a cintura
f e cazette p a creatura;
si lo mette sotta o core
f e cazette p o confessore.




Mo vene Natale renza renza
o maccaronaro nce f crerenza,
o cantiniere nce r o vino,
logghiararo nce mette luogghio
ma roppo sienti che bello mbruogghio!







Signuzzo
va a puzzo
va a mare
va add zi commare
viri che te rice
e portammello a dice.



Quanno mammeta va a la messa
o riavolo va appriesso appriesso.
Quanno mammeta f lo ppane
vienimi chiama, vienimi chiama.
Io le porto lo nfornaturo:
nforno a mammeta e a soreta puro.
Quanno mammeta fila e cose
come la tene aperta o chiusa?
Pe non lev luso
no poco aperta e no poco nchiusa



A canzone re Cicirinella



Cicirinella teneva o ciardino
e larracquava sera e matina
ma larracquava senza langella
quist o ciardino e Cicirinella.

Cicirinella teneva no iallo
tutta la notte nce jeva a cavallo
e nce jeva senza la sella
quisto lo iallo re Cicirinella.

Cicirinella teneva no ciuccio
e laveva fatto no bello cappuccio
ma no teneva n ossa e n pella
quisto lo ciuccio re Cicirinella.

Cicirinella teneva na votte
metteva ra coppa e asceva pe sotta
e no teneva tompagno e cannella
quest la votte re Cicirinella.

Cicirinella teneva no culo
ca pareva no cofenaturo
e lavotava la notte a le stelle
quist lo culo re Cicirinella.


TRADIZIONI | PREGHIERE E CANTI | CANTI POPOLARI | FILASTROCCHE | NINNE NANNE | SCIOGLILINGUA | INDOVINELLI | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu