TRADIZIONI POPOLARI


Vai ai contenuti

CANTI POPOLARI

Volesse sagghie ncielo si potesse
co na scaletta re siciento passi
ca quanno sagghiesse ncielo se spezzasse
e mbrazza a menna mia me trovasse.

˜


Zappa ca te chiami la viola
sì l’arruìna re la saluta mia.
Zappa lo zappatore, zappa, zappa
e la sera s’arritira stanco e rutto.

˜


M’aggio aizato matino matino
tanto matino ca poco loceva:
ì panittieri scanavano lo pane,
e li trainieri jeveno ‘Avillino.



Mena lo viento e lasselo menà,

asciuga ‘a cammisa a ninno mio.
Isso vene a la sera e se vo’ mmutà,
dice c’ha camminato pe’ lo sole.


˜
˜


Quanno sponta lo sole sponta vascio:
quanto cchiù s’annària cchiù sbiancore jesce.
Accussì è ssà figghiola quanno nasce,
quanto cchiù cresce cchiù a l’amore penza.
Ssa figghiola è come a na nocella:
si non ‘a rumpi non ‘a può apprezzà.

˜


Sapeto Santo re Pasqua rosata,
iamo mettenno la rosamarina.
“Rosamarina mia quanto ti sì allongata,
ncoppa sta fenestella sì sagghiuta.
Rincello a ssà uagliotta ca s’affaccia:
si tene a iallinella pecché non me rà l’uovo?”
“Tinitella cara la orzélla …
la iallinella mia non fà cchiù ova!”

˜


Sera passai pe’ sotta la chiana:
stavi arracquanno la rosamarina.
“Io te ricietti: - Menammini n’asta!”
“Tu me ricisti: - Sagghi ncoppa e scigghiti la testa …”
“Bella figghiola mia si sagghio ncoppa
lasso la testa e la patrona me porto!”

˜


Chi te l’ha ditto a te ca non te vogghio?
Fatti lo pagghiariello ca te pigghio!
Arrobba i panni a mammeta e fuimmoncenne!

˜
˜


Quanno la femmena se vole ammarità
mpoppa se mette comm ’a na bannèra.
Rice ca sape re tesse e re filà,
sape fà li pranzi re tutte le manère.
Ma quann’ è roppo ca s’è ammaritata
non sape mette lo lucigno a la lumèra.

˜


Lo nnammorato mio è muort’acciso
sott’ ‘a na pampanella re ciraso:
lo cuorpo se lo ciangeno a la casa
e l’anema se n’è ghiuta mparaviso.

˜


Quant’è bella la patrona mia
quanno se mette la onnella nova.
Sta uagghiottolella è figghia re notaro
e porta na onnella a tutte chieie:
quanno passa pe’ tuorno ‘a massaria
palomma me pare ca pe’ ll’aria vola.

˜



Mulinarella mia, mulinarella
pecché lo tieni a spasso sso mulino?
Si me lo priesti pe’ na sittimana
te lo régno tutto re farina!

˜


˜


Bella figliola ca cierni farina
non te cutulià tanto co lo culo,
pecché già co lo fruscio re le menne
tutta la farina fai abbolà!
Vurria addeventà na verde spina,
mmiezzo a la chiazza me vurria fermà.
Quanno passa la nennella mia
pe’ la onnella la vurria toccà!
Essa se gira e allucca: - O mamma mia!
Sta verde spina non me vo’ lassà!
- Tanno te lassa sta verde spina
quanno iamo a la Chiesia a nce sposà! –

˜


Me vogghio ammarità e mamma scioscia,
rice ca no’ le tengo li panni ncascia.
Non me ne mporta a me ca essa scioscia:
rimani me ne fuìo e sola ‘a lasso.

˜


- Sera passai e tu t’ieri corcata,
non te putietti rà la bonasera! –
- ‘E porte mie non s’apreno re notte,
chi vo’ parlò co me a ghiuorno aspetta.

˜


Quanno se ne partìo ninno mio
tre bote co la capo se votào.
Quanno se trovào mmiezz’a lo mare s’abbilìo
“Avòta quessa barca marenaro!”
‘O marenaro ‘o bulìo sapé,
pe’ quale raggione se volea girà”.
“Aggio lassata sola a nenna mia
si mo non torno chi sa si po’ la trovo”.

˜


Tutte le becchie anna ì a l’inferno
e sòcrema pozza ì a ‘o cchiù profunno:
s’è mangiata tutto ‘o puorco re vierno
e mo ch’è staggione se mangia zampogne.

˜


Quanto so’ belle sse doe sore
miezz’a la chiazza non ce so’ le ppari.
Una porta lo zucchero mmocca,
n’ata tutta la gente fà botà.
Dio, no’ me lo scrivere a peccato
ma una la volesse pe’ mogghiere
e n’ata la volesse pe’ cainàta.

˜


Ma com’è ca lo munno è finuto:
mammeta te vole ammarità.
Te vo’ rà no male fravecatore,
ca manco na casarella te sap’acconzà.

˜



Quanno ‘o nnammorato non è amato
mille curtielli tene int’ ‘a lo core.
Se mette rint’ ‘a lo lietto pe’ malato.
La gente corre e dice: - Quisso mo’ more!
Essa se mette ncammino pe’ lo ì a beré.
Int’a lo lietto uarnito isso stà corcato:
‘a mamma co doe cannele se lo ciange.
“Figghio mio, votiti ra sto lato,
viri che rònna t’è binuta a bisità!”
Covernati, covernati malato,
quanno sì muorto te vengo a trovà.
‘O fuosso pe’ te già sta scavato:
Dio, che terra néora ch’è asciuta!
Sotto nce stà na preta lavorata,
addò vanno a finì le bellezze toe.
Quanno passo pe’ llà te rico na corona:
qua stà ninno mio, ca Dio lo perdona.

˜



Quant’è bello a fà l’amore co la vicina:

si puro no’ la viri la può sèntere cantà.
La sienti quanno chiama le galline:
“Tete, tetelle … veniti a mangià.”
Mamma, vieni a contà ste galline:
qua nce manca lo megghio capone,
nce manca quiro co la penna turchina,
lo megghio caporale ch’era fatto pe’ beré.

˜


M’ha mozzecato na vespa a lo rito
e non aggio che rimerio ca ncè rà.
Iammuci a corcà na notte aunìti:
nui rurmimo e lo rito se sana …

˜


Aggio saputo ca nennella tesse,
pe’ sott’a lo telaro ‘a tela passa.
Volesse addeventà no marivizzo
e sott’ ‘a sto telaro me vurria posà
e nce rompesse la canna co lo pizzo.
Essa po’ se ne va addò la mamma, citto, citto:
“Oi mamma, m’hanno rutto lo telaro!”
“Figghia mia, mo’ che te pozzo fà?”
“Ra chi te l’ha rutto mo te fai sposà!”

˜


Vero no preote ra luongo vinì
co na corona e co l’Uffizzio mmano:
“Quisto mo vene pe’ me cunvirtì,
pace co nenna mia me vo’ fà fa.
Tanno co nenna mia io fazzo pace,
quanno a l’inferno nce trase la Croce!”

˜


Ietti a l’inferno e me riciero: canta!
e nce steva na rònna ch’era tanto bella,
steva abbrazzata co lo fuoco ardente.
Io nce ietti a lo fianco e le ricietti:
“Pecché patisci tutti sti turmienti?”
Essa me rispunnìo co n’amaro cianto:
“Pe’ fà contento a te io soffro tanto!”

˜


Dio che sole! Dio che calandrella!
Che pene ca me rà sta peccerella!
Quanno cammina fà la peratella
nterra addò appoia lo chianiello.
Re ssó chianiello ne vogghio la sola,
re ssà caozetta lo ianco peràle,
re ssó pietto ne vogghio lo core,
ra ssà vocchella na sola parola …


Sera passai e mamma te vattéa,
non te puttietti rà no poco aiuto.
Si t’aiutavo mamma che deceva?
- Co sta figghia mia che amicizia tieni?

˜


Me ne vogghio ì a lo Ciliento
pe’ me pigghià na bella celentana.
Che me ne mporta ca non tene frasche,
abbasta ca tene lo boccione nfrisco.

˜



Mamma mo passa Ciccio
con a catena r’oro
mamma io mo moro
Ciccio m’aggia sposà.

Si tu te spusi ‘a Ciccio
panni non te ne róngo
Ciccio è no vacabbondo
te lassa e se nne va.


˜



Pampanella re cieozo russo
é mo sera a musso a musso.

Pampanella re cieozo moro
e mo sera a core a core.

Pampanella re ciraso
e mo sera te rongo no vaso.
Pampanella re nocella
e mo sera me corco co quella.


˜



Senza ca vai e bieni
l’uva non è matura
nenné tu sì creatura
non te può ammarità.
Senza ca passi e spassi
co ssà catena r’oro
già tengo chi me vole
re te che n’aggia fa?


˜



Bella figliola co ssó pietto liscio
non te lo fà manià si non cresce.

Bella figliola co ssò pietto tosto
non te lo fà manià si no s’ammoscia.



˜


Che relore abietti rint’a sto core
quanno te sintietti pubbricà.
Pigghiai l’acqua santa e me n’ascietti,
non me vulietti manco addenocchià
m’addenocchiai a n’angolo re muro
e llà accomenzai a lacremà.
Vurrià na zenna re ‘o maccaturo tuo
pe’ m’asciucà ste lacreme r’amore.


˜


‘O nnammorato mio è trainieri
e ‘o scurriato fà abbolà.
Quanno sagghie ncoppa lo traino
pare no palummiello quanno vola.


˜

Nnanzi casa nc’è nata na fico
laggio uardata re vierno e r’estate
mo se ne vene quiro brutto arnese
ca me vo’ arrobbà la nnammorata.
Aggia fà scorre ‘o sango a la vìna
come scorre l’acqua a la iomàra


˜



Che t’aggio fatto ca non me può veré,
prima ricivi sempe ca me vulivi bene
mo quanno passi non me chiami cchiù.
‘O ffai apposta pe’ mme fà murì?
Io si moro e vao mparaviso
Si non ce trovo a te manco nce traso.


˜


Tu viento ca mme tuozzuli a la porta
vavatténne ca maritimo è binuto.
Vieni quann’è passata mezzanotte
quanno maritimo se aza tu te curchi.


˜



‘A nnammorata mia è peccerella,
ancora non sape fà l’amore
e si non sape fà l’amore
no’ me ne mporta
io pigghio la iommenda e me la porto
Bella figliola scaoza e ncammìsa
tu tieni le birtù re la cirasa.
Quanno tu viri a me te fai la risa.
Viato a chi te rà lo primo vaso!
Com’a l’auciello ca pìzzola la fico
e nce rimane c’ ‘o musso nzuccarato
accussì ‘a femmena quanno s’ammarita
pensa sempe ‘a o primo nnammorato.


˜



Lo nnammorato mio se chiama Peppo:
è lo megghio iocatore co le carte.
S’è già ghiocato la sòla re le scarpe,
appriesso se ioca puro la mogghiere.



Vasinicola ca stai rint’ ‘a ssà testa
come nce puo’ iettare tant’addóro?
Come puo’ rorme ninno mio rint’ ‘a ssò lietto?
Come non pienzi a mme ca rormo sola?



Me songo azàto priesto stammatina
pe’ beré nenna mia addò se trova.
Forze se trova rint’ ‘a no ciardino:
co na canesta mmano cògghie rose.
Cogghie rose e se ponge lo rito:
“Sarrà ninno mio ca vo’ quaccosa …”



Sera me lo mangiai no melone
co lo curtiello re lo nnammorato.
Melone ca non fussi mai finuto,
melone ca non mm’avissi mai sazziato.



Mo’ care na rosa me songo nnammorato
tutto re rosa me vogghio vistì;
‘o lietto re rose me vogghio fa,
nzieme co Rosa me vogghio corcà.
Sera passai pe’ no vico r’oro.
Virietti nennella mia ca coseva,
coseva cchiù ra rinto c ara fore:
sulo la mano ianca se vereva.
Io le ricetti: - Addio, colonna, r’oro,
come nce puo’ stà senza re me? -



Aggio passato montagne e valluni
pe’ te trovà, colonna r’oro.
Tu sì nata mmiezz’a li signori,
stai nfassata co tre fasse r’oro!
Si mammeta t’ha crisciuto rint’ a li ciuri
io te cresco mmiezzo le viole.



Auciello mio ca vieni ra Caserta
rimmi ninno mio si è bivo o è muorto.
L’aggio lassato malatiello a lietto,
steva pigghianno miricine a morte.
Co na mano teneva li cunfietti,
co n’ata ce teneva l’acqua forte.
Corre la mamma co le brazza aperte:
“Povero figghio mio pe’ amore è muorto!”.



‘A notte è l’arrepuoso re la gente
Sul’ io puviriello non arreposo mai;
s’arreposa l’acqua, s’arreposa lo viento
lo viento s’abbenda e io non abbendo mai.



‘A mamma re Giulietta era gelosa
no’ la mannava mai a l’acqua sola.
Na vota la mannào a lo mulino,
trovào lo mulinaro ca rormeva.
“Scetiti mulinaro re sto mulino
ca è binuta Giulietta ‘a macenà”.
E mente ca lo mulino macenava
na mano ncoppa ‘o pietto le menào.




˜




Nnammoratella mia facìmo pace,
facimuli scattà li mali amici.

Io mali amici non ne tengo
quanno passi ra qua non tremende.


Aggio saputo ca la morte vene
tutte le belle se vene a pigghiare
e tu bella pensaci no poco ca oi stai qua e crai none.



Vurrià murì e poi vurrià tornà
pe beré si nenna mia me ciange.
‘A femmena te ciange pe otto iuorni:
sulo màmmeta te ciange eternamente.



Canzoni a dispetto


Facci re no lémmete abbattuto
sacco re terra male covernato
io non fazzo parentela co cornuti
e manco co famiglie sbreognate.


Facci re na crapa saravateca
t’hann’accattata a la fèra re Foggia
ma pari na cacciotta ca s’arraggia
co tutti li masculi tu ti’ alloggi.


Facci re no cémmece fetente
te si ghiuto vantanno ca tinivi tanto!
Tieni sulo na casa senza peramenta.
Addó non ce ponno abbità manco li Santi.
Facci re no ruospo re pantano
sì ghiuto alluccanno pe’ tutti li valluni,
mo ca te sì accattato ssó panaro
vai arrecogghienno tutti li scarpuni.


Facci re ricotta ianca
a chi mini cauci e a chi bòtte
me pari na iommenda quann’allatta.


Facci re na cicoria verde e amara
Cristo te l’ha levata lo colore,
te l’ha levato pe’ te fà rannà
ca tutte s’ammariteno e tu no.


Facci re nu puzzo cupo cupo
ra quanto tiempo non t’hanno appulizzato?
L’acqua ca tieni rinto è ntossecato:
chi se nzora co te care malato


Facci re n’aniello co na preta
sulo co me tu é fatto l’amore.
Tinivi no core tuosto com’a na preta:
io sulo te l’aggio remollato


Facci re no mierolo re macchia
Non te sì mai lavato c’ ‘o sapone.
Hé cunzumato doe iamàre r’acqua.
E ssì sempe nioro com’a no tezzone!


TRADIZIONI | PREGHIERE E CANTI | CANTI POPOLARI | FILASTROCCHE | NINNE NANNE | SCIOGLILINGUA | INDOVINELLI | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu