Cerca

Vai ai contenuti

LETTERA I

G-H-I

I


Ì (Jì, INE):
V. Andare. Pres. ind. Io vao, tu vai, isso va, nui iamo, vui iati, issi vanno. Pass. rem.: Io ietti, tu isti, isso ìo, nui iemmo, vui ìstivi, issi ìerono. Part. pass. iùto. Locc.: ì pressa (Andare in fretta). – ì pe’ sotta e pe’ coppa (avere diarrea e vomito). – ì mparaviso pe’ scangio. (Avere una fortuna inaspettata). - ì nculo nculo (Stare addosso). Se n’è ghiuto re capo. (Sta dando segni di squilibrio). ì pe’ fotte e restà futtuto. (Fare come i pifferi di montagna che andarono per suonare e restarono suonati). - ì a cavallo a ‘e cosce (andare a piedi). - Vatténne! (Vattene via!). - Iativénne (Andàtevene). – A ghì a ghì (A stento). ì ‘o sango ncapo (Perdere il lume della ragione) – ì rint’a l’ossa. (Cadere come il cacio sui maccheroni). – Ìo pe’ se fa’ ‘a croce e se cecào n’uocchio. (Si dice di chi è stato sfortunato o maldestro). – Risse Pulicinella: “Armàmuci e ghiati!” – Vao pe’ grazzia e trovo giustizzia. – Vao p’aiuto e trovo sgarrupo. – È ghiuto Cristo ‘mmano a fra’ Ntonio. – È ghiuta ‘a lanterna mmano a i cecati. – Tore se ne vo’ jì e ‘o Vescole n’ ‘o vo’ mannà. – Non se po’ piscià e ghì ncarrozza (Non si possono fare due cose contemporaneamente).

IABBIÀ:
V. Decidere, farsi beffe. Iabbéo, sabbiai, iabbiato.

IABBO:
Sost. Beffa. – ‘O iabbo cogghie e ‘a iastéma no.

IÀCCOLO:
Sost. Fune per fissare e legare i carichi sulle bestie da soma.

IACOVèLLA:
Sost. Intrigo. Andazzo.

IALLIÀ:
V. Gongolare. Esultare. Ialléo, ialliài, ialliàto.

IALLìNA:
Sost. Gallina. Esse figghio r’ ‘a iallina ianca. (Essere il prediletto, godere di particolari privilegi). – ‘E femmene avéssera parlà quanno piscia ‘a iallina. (Cioè mai). – Quanno ‘a iallina scacatéa è segno c’ha fatto l’uovo. (Chi parla troppo ha qualche cosa da nascondere). – Nisciuna iallina è morta sott’ ‘o iallo. – ‘A iallina fà l’uovo e a ‘o iallo l’abbrucia ‘o culo. – ‘A iallina vecchia fà ‘o broro buono. (Gallina vecchia fa buon brodo).– ‘A iallina ca cammina, torna a ‘o mmasonaro co la ‘òzza chiena. (Chi si dà da fare riesce sempre ad ottenere qualche cosa). – Chi se mangia ‘a iallina r’ ‘o patrone po’ n’adda cacà puro ‘e penne. (I favori dei potenti si pagano a caro prezzo). – ‘A iallina se spenna roppo morta. - ‘A iallina non fà mai roe ove. (Le buone occasioni non si presentano una seconda volta). – Loc.: Spià ‘a iallina: infilare un dito nel culo della gallina per sentire al tatto se ha un uovo da deporre.

IALLINÀRO:
Sost. Gallinaio, pollaio.

IàLLO:
Sost. Gallo. Prov.: Addò canteno troppi ialli non se fà mai iuorno. – ‘O iallo fotte e s’o scorda. (Talvolta l’uomo è vile ed egoista e non si assume certe responsabilità)Loc.: Paré ‘o iallo ncopp’ ‘a monnezza. (Si dice di un poveraccio che si dà arie da gran signore. – A quiro puro ‘o iallo nce fà l’uovo (gli va sempre tutto bene). – Quanno ‘o iallo canta è segno c’adda chiove. - ‘O iallo scacatea e ‘a iallina fà l’uovo. (Chi parla e chi fa i fatti).

IALO (IALIZZO):
Sost. Sbadiglio.

IANÀRA:
Sost. Strega, fattucchiera. Secondo antiche credenze, le ianare erano donne malvage che facevano fatture mortali, parlavano col diavolo, facevano perdere il latte alle puerpuere, deformavano le gambe ai neonati, intrecciavano o legavano le code dei cavalli e si trasformavano in gatti neri. Qualche volta venivano considerate “janare” anche le ostetriche (mammàne). Etim.: da “Dianarae”, donne pagane che si dedicavano al culto di Diana.

IANCHIÀ:
V. Imbiancare le parti di una stanza o le mura di una casa. Ianchéo, ianchiai.

Ianchiato: Agg. Pulito, imbiancato.

IANCO:
Sost. e agg. ‘O ghianco re’ l’uovo (l’albume). – Prov.: ‘O ghianco e ’o russo traseno p’ ‘o musso. (La buona salute dipende dalla buona alimentazione). – Vino ianco, acito ianco.

IANCUòCIOLO:
Agg. Biancastro, bianchiccio.

IANGìLLO:
Sost. Gengiva. Te ronco no puino rint’a li iangilli.

IANTÓSCA:
Sost. Toponimo montefalcionese.

IàOLO:
Sost. Rigogolo, uccello dell’ordine dei Passeriformi.

IASTÉMA:
Sost. Bestemmia, maledizione. Loc.: M’aggio iettato ‘a iastéma. (Ho fatto un proposito irrevocabile).

IASTOMÀ:
V. Bestemmiare. Iastómo, iastomai, iastomato. Prov.: A mangià e a ghiastomà abbasta accommenzà.

IATTA:
Sost. Gatta. – ‘A iatta ro storente mangia no chilo e pesa tre quarti. – ‘A iatta quanno non pote arrivà a ‘o lardo rice ca fete. (Nondum matura est.; nolo acerbam su mere), fedro IV, 3. Esse na iatta morta (si dice di persona apparentemente docile e sincera ma in realtà scaltra e dissimulatrice). – Accattà ‘a iatta rint’ ‘o sacco (Comprare a scatola chiusa, senza vedere la merce). – Accattà ‘a iatta pe’ ghiastomà. – ‘A iatta ‘e zì Maria no poco ciange e no poco rire. – ‘A iatta ncopp’a l’irmici s’allamenta e fotte. – ‘A iatta vecchia vò ‘o surice ciniero. (Si dice di donna che ha un marito molto più giovane di lei). – ‘A iatta pe’ ghì re pressa facìo i figghi cecati.(La fretta è cattiva consigliera) – ‘A iatta quanno sente l’addoro r’ ‘o pesce non bole chiù maccaruni … - Dim.: IATTéLLA, IATTILLO.

I
ÀULI: Sost. Territorio che si estende tra Montefalcione, Candida e Parolise.

IàZZINO:
Sost. Chicco della grandine.

IAZZINIÀ:
V. Grandinare. Iazzenéa, iazziniao, iazzinato.

IAZZINIATA:
Sost.: Grandinata.

IAZZO:
Sost. Giaciglio delle bestie.- 2) Est.: Letto sporco e disfatto.

IELÀMA:
Sost. Brina. Gelata.

IENNàRO:
Sost. Gennaro. Iennaro sicco, massariaro ricco.

IèNCA: Sost. Giovenca.

IENCO:
Sost. Manzo. Vitello

IÈNNERO:
Sost. Genero. Iènnero mio, iènnero tuo (mio genero, tuo genero). – A ghienneri e niputi quero ca nce fai è tutto pirduto.

IÉRMETE:
Sost. Mannello. Mozzetto di spighe di grano.

IETTÀ:
V. Gettare, lanciare. Iètto, iettài, iettàto. Puozzi iettà ‘o sango! – Puoi iettà ‘o beleno amaro! – Loc.: Vatti ietta! (Buttati via ché non sei buono a niente!). – A ghiettà a ghiettà (Nel peggiore dei casi). – Iettà l’uosso a ‘o cane (Si dice ironicamente di chi si lamenta di una situazione vantaggiosa). – Prov.: Chi te ietta pòvere int’a l’uocchi te vo’ veré cecato …

IETTàTO:
Sost. e agg. Fannullone, trasandato. Me pare no iettato.

ÌFFOLO:
Sost. Piffero. Est.: Stupido. – Volg.: Pene. Iffolo ‘e cartone. (Incapace, impotente).

INT‘A NA RITTA E NA FATTA:
Loc. avv.: In men che non si dica. All’improvviso.

IOCÀ:
V. Giocare. Ioco, iocai, iocato. Iocà a futti compari. (Comportarsi in modo disonesto e sleale).

IOCATORE:
Sost. Giocatore (spec. di carte napoletane). Iocatore ‘e sopàla, iocatore e quatto sordi, iocatore ‘e cartone, iocatore ‘e strummolo, iocatore ‘e vianova (modi di dire per indicare un giocatore da strapazzo).

IOCCÀ:
V. Fioccare, nevicare. Iòcca, ioccào, ioccato. “Iocca, iocca, iocca: Cicilia co la brocca, Giovanni co lo fuso, nzippa ‘a capo int’ ‘o pirtuso. (Antica filastrocca popolare dall’evidente doppiosenso). – Prov.: Quanno iocca re gennaro allària ‘o solàro. (La neve di gennaio assicura abbondante raccolto).

IòCOLA:
Sost. Efflorescenza rotonda come una pallina che nasce sull’albero della quercia. Un tempo, ci giocavano i bambini.

IOMÀRA:
Sost. Torrente in piena. Fiumara. Te puozzi accattà na casa ncap’a na iomara! (Che tu possa fare il peggiore acquisto della tua vita).

IOMMèLLA:
Sost. Quanto è contenuto nel cavo delle due mani accostate. Giumella. Na iommella re farina.

IOMMèNTA:
Sost. Giumenta, cavalla. Prov.: Chi vo’ mangià ‘o pane ‘e sto convento adda fa ‘o culo com’ ‘a na jommenta.

IÓNTA:
Sost. Aggiunta. Chi ‘o conta nce mette ‘a iónta (Chi riporta una notizia vi mette sempre del suo).

IORECÀ:
V. Giudicare, commentare negativamente. Iòreco, iorecai, iorecato.

IORECATòRE: Sost. Persona sempre pronta a criticare, a parlare male di tutti.

IÒREVA (IÒVERA):
Sost. Fascio di fieno legato con altro fieno filato e arrotolato con un particolare attrezzo che si faceva girare intorno a se stesso chiamato MANGANIELLO.

IORNàTA:
Sost. Giornata. – 2) Compenso di una giornata di lavoro. – 3) Lavoro fatto in un giorno da un bracciante. – ì a ghiornata.

IORNATIERO:
Sost. Lavoratore giornaliero nei campi. Bracciante.

IÓSCA:
Sost. Pula. Minuscolo involucro che racchiude il chicco di grano.

ÌRITO:
Sost. Dito. È detto anche RITO.

ISSO:
Pron. pers. Egli. Etim.: dal lat. “ipsum”.

IUCCULIà:
V. Nevicare con fiocchi rari e sottili. Ioccoléa, iucculiao, iucculiato.

IUCCULIZZO:
Sost. Nevischio. Sinibio

IUNCO:
Sost. raro: Giunco. – Càlati iunco ca passa la chiena.

IUòCO:
Sost. Gioco. Citto a chi sape ‘o iuoco.

IUORNO:
Sost. Giorno. Ce stanno cchiù ghiuorni ca sausicchi (C’è tempo!). – Loc.: A ghiuorno se vereno ‘e macchie.

IUSSO:
Sost. Diritto, permesso. Privilegio. Tené ‘o iusso (Avere un diritto su qualcosa). Etim.: dal lat. “Jus”.

IUSTO:
Agg. Esatto, giusto. Loc. avv.: Iusto iusto: (A puntino, alla perfezione). - Ssé scarpe te vanno iuste iuste. (Codeste scarpe ti vanno a pennello)

IùTA:
Sost. Andata, viaggio. - Na iuta e na vinuta.

IùTO:
Agg. e sost. Andato nel significato di rovinato, ubriaco, defunto. Loc.: S’è n’è ghiuto a ‘o Creatore. (è morto). - Se n’è ghiuto r’acito (Ha perduto la testa). - Se n’è ghiuto pe’ l’acqua n’abbascio (è andato in rovina).







DIZIONARIO | A-B-C | D-E-F | G-H-I | L-M-N | O-P-Q | R-S-T | U-V-Z | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu