Cerca

Vai ai contenuti

LETTERA Q

O-P-Q

Q


QUABBÀSCIO:
Avv. Quaggiù.

QUACCÀTO:
Agg. e pron. Qualche altro.

QUACCATRUNÀTO:
Pron. Qualcun altro.

QUACCHIRùNO:
Pron. Qualcuno. – Quacchirùno tuzzuliao nfacci ‘a porta (Qualcuno bussò alla porta).

QUADDÌNTO:
Avv. Qui dentro. – Qua dinto se more r’ ‘o caoro (Qui dentro fa un caldo da morire).

QUAFFÒRE:
Avv. Qui fuori. Quaffòre se freschéa.

QUAGGHIA:
Sost. Quaglia.

QUAGGHIÀ:
V. Il rapprendersi del latte per effetto del caglio. Quagghio, quagghiai, quagghiato.

QUAGGHIATA:
Sost. Giuncata. Formaggio molle appena rappreso che affiora dal siero caldo.

QUAGGHIERE:
Sost. raro. Venditore di caglio. – 2) Persona senza dignità, ruffiano. Mezzano.

QUAGGHIO:
Sost. Caglio. Pezzo di sostanza acida ricavato dall’abomaso essiccato dei vitelli da latte.

QUAGGHIUSO:
Agg. Denso, cremoso.

QUANCOPPA:
Avv. Qui sopra.

QUANNO:
Avv. Quando. Loc.: Quanno ce vò, ce vò! - Quanno mai! (Negazione decisa e perentoria). – Quanno buono buono (E quando pure …). – Quann’aggia cangià Peppo pe’ Peppo, me tengo a Peppo mio (Ogni scambio deve essere vantaggioso). – Prov.: Se canta quanno se vene ra la festa e no’ quanno se va (Non dire quattro se non l’hai nel sacco). Quanno ‘o sole se fà russo ‘o patrone allonga lo musso, quanno ‘o sole se fa ghianco a ‘o patrone le vene no ranco (Quando il giorno finisce il padrone è scontento perché i suoi braccianti non possono continuare a lavorare; quando arriva il momento di pagarli gli vengono i crampi alle mani perché deve contare il denaro). - Quanno se zappa e quanno se puta zì Pasquale no’ tene niputi; quanno iamo a vennignà “zì Pasquale rà qua zì Pasquale ra llà…” - Quanno ‘o ciuccio non bo’ veve hassivoglia re siscà! – Quanno rui se vonno cincuciento non ce ponno. – Quanno se mangia se combatte co ‘a morte. – Quanno avietti ‘o dispiacere re mogghierema (Quando morì mia moglie). – Quanno ‘o parente corre ‘o vicino è già curruto (Si deve fare più affidamento sui vicini che sui parenti).

QUANNOMAI (QUANNO MAI):
Loc. avv. di diniego. Mai, assolutamente no. “E t’hé pigghiati tu i sòrdi ca steveno ncoppa ‘a moffetta?” “Io? Quanno mai!”.

QUARTO:
Sost. Quarto di un kg. No quarto re maccaruni. – No quarto re vino (un quarto di litro). – No quarto re luna (una fase lunare). – Fa’ ‘o quarto (Avere la luna di traverso).

QUASSÓTTA:
Avv. Qui sotto. - Quassótta non ce chiove.

QUATRELLA:
Quadrelle, comune irpino di origine normanna. Etim.: incerta. Secondo C. Marcato deriverebbe dal latino, “quadra” dalla divisione in forma quadrata degli appezzamenti di terreno.

QUATTO:
Agg. num. Quattro. – Quatto iatti (Pochissime persone) – Rint’a quatto e quatt’otto (Subito, in men che non si dica).

QUATTUOCCHI (A):
Loc. avv. A quattr’occhi, in privato.

QUATTUORDICI:
Agg. num. Quattordici.

QUèMMA:
Sost. Poltiglia, melma.

QUERO:
Pron. dim. Ciò, quello, Prov.: Carte e ronne fanno quero ca vonno. – Quero ca non se fà non se sape. – Quero ca non buoi pe’ te nun risiddirà manco pe’ l’ati. – Quero ca non biri nsciore non t’aspettà manco nfrutto. – Quero ca viri poco ne criri, quero ca sienti non crérere nienti. – Quero ca te mitti ncuorpo nisciuno ‘o bbere, quero ca te mitti ncuollo tutti ‘o bbereno.

QUINNICI:
Agg. num. Quindici.
QUINNICI: Quindici, comune della provincia di Avellino; secondo alcuni storici il nome della località deriverebbe dal console romano Quinto Decio. Più probabile sembra però la sua provenienza dal numerale latino. “Quindecim”. Fu casale di Lauro e feudo dei Del Balzo, degli Orsini, dei San Severino, e dei Pignatelli.

QUIRÀTO (f. QUERÀTA):
Agg. e pron. Quell’altro. (Spesso è usato in senso dispregiativo).

QUIRO (f. QUERA):
Agg. e pron. Quello: Quiro custigno è cchiù gruosso re quisto. - Quiro ca stà sotta a San Michele (Lucifero, Satana).Prov.: Quiro santo ca non te fà re bene non ‘o preà nì quanno và nì quanno vene. - ‘A mazza ‘e Zi Nicola chi ‘a porta quiro ‘a prova. – ‘A megghio morte è quera ‘e subbito. – ‘O munno è quiro ca tieni ncapo (Ognuno ha una particolare concezione della vita). – I peggio iuorni so’ quiri r’ ‘a vecchiaia. - Quiro ca non se fà i cazzi sui co na lanterna va cercanno uai. – ‘A peggio malatia è quera r’ ‘a vecchiaia (Senectus insanabilis morbus est, ha scritto Seneca).

QUISSÀTO (f. QUESSATA):
Pron. Raro. Codest’altro. – Viri che bole quissàto.

QUISSO (f. QUESSA):
Pron. e agg. Codesto. Tre pinzieri e quisso quatto! (Figurati se con tanti problemi seri mi posso preoccupare di quello che dici). – Quessa femmena è addiritta.

QUISTATO (f. QUESTATA):
Pron e agg. Quest’altro.

QUISTO (f. QUESTA):
Pron. e agg. Questo. Quisto è parente a quiro (Sono la stessa cosa).

QUITARRA:
Sost. Chitarra.








DIZIONARIO | A-B-C | D-E-F | G-H-I | L-M-N | O-P-Q | R-S-T | U-V-Z | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu