Cerca

Vai ai contenuti

LETTERA O

O-P-Q

O


‘O:
Art. Il. ‘O puorco, ‘o sorece, ‘o portovallo. – ‘O vino stà buono rint’a votte. (Si dice a chi manifesta segni di ebrezza).

OCCA (VOCCA):
Sost. Bocca. Loc.: Acchiappà mmocca (credere a tutto, essere semplicioni). Prov.: - Tené ‘a occa ca puzza ancora re latto (essere ancora bambini).

OCCAGGHIO:
Sost. Porticina del forno per guardarci dentro. – 2) Apertura della bottiglia o di un recipiente per liquidi.

OCCAPIERTO:
Agg. Credulone. Incapace di mantenere un segreto.

OCCATùRA:
Sost. Modo di parlare, accento, intercalare. – 2) Sapore, gusto.

OCCHIATùRA:
Sost. Fattura, malocchio.

ÒCCOLA:
Sost. Chioccia. I pulicini vanno addò và ‘a occola. - Est.: Madre invadente e protettiva.

OCCOLàRO:
Sost. Gola, trachea. Doppio mento, pappagorgia.

OCCOLÀTA:
Sost. Pulcini della stessa covata.

OFÀNO:
Agg. Superbo, altezzoso, pieno di boria.

ÓFFOLA:
Sost. Chicchi immaturi e arrostiti di una spiga di grano.

OGGHIÀNO:
Sost. Rogliano. Frazione di Montefalcione.

OGGHIARàRO:
Sost. Venditore ambulante di olio. (Figura ormai del tutto scomparsa).

OGGHIARùLO:
Sost. Contenitore per l’olio dalla stretta imboccatura. Fà piscià int’a l’ogghiarulo (costringere qualcuno a fare una cosa difficile e sgradevole).

ÓGNA:
Sost. Unghia. Loc.: Patì r’ogna ncarnata. – Prov.: ‘O Pataterno manna ‘a rogna a chi non tene l’ogna (e quindi non può grattarsela). – Paré ‘a signora co l’ogna cacata (si dice di donna ignorante e volgare che si dà arie da nobildonna).

OI:
Avv. Oggi. Quero re oi se sape, quero re crai ‘o ssape sulo Dio. Etim.: dal latino “Hodie”.

OIARòTTO:
Avv. Otto giorni fa. Tra otto giorni.

ÓLLE (VOLLE)
: V. Bollire. Óllo, ullietti, ulluto. – Loc.: Mi ullì ncanna! (Ti tengo puntato, non vedo l’ora di fartela pagare!).

OMMECÀ (VOMMECÀ):
V. Vomitare, rimettere. òmmeco, ommecài, ommecato. – Me fai ommecà (Mi fai venire il voltastomaco).

OMO:
Sost. Uomo. Locc.: Esse n’omo re nienti, n’omo re merda, n’omo re quatto sordi. – Prov.: L’omo p’ ‘a parola ‘e ‘o ove p’ ‘e corna. – Tutto po’ soccére fore ca l’omo prieno. – L’omo adda esse com’ ‘o prisutto: nì tutto rasso e nì tutto magro. – L’omo se canosce ra ‘o parlà e ‘a campana ra ‘o ssonà. – L’omo pe’ natura uarda sempe ‘e menne e ‘o culo; ‘a femmena pe’ difetto uarda sempe int’ ‘a rachetta (Ciò che è considerato naturale per l’uomo è ritenuto sommamente riprovevole per la donna). – Omo nzorato, omo nguaiato. – Omo senza vizi, menesta senza sale. (Una persona che ha troppi pregi rischia di essere noiosa e antipatica). – L’omo è cacciatore. (Lo dicono i mariti per giustificare qualche scappatella).

ÓNGE:
V. Ungere. Óngio, ungietti, ungiuto. – Prov.: ‘A rota non cammina se non se onge. – ‘E bone parole pòngeno e ‘e malamente òngeno. (La verità spesso non è piacevole).

ONGIUTA (UNGIUTA):
Sost. Unzione, spalmata di crema, pomata. – Est.: Mancia, regalo a scopo di corruzione. – 2) agg. Unta.

ONNA:
Sost. Onda.

ONNÈLLA:
Sost. Gonna. I parienti r’ ‘a onnella traseno tanto bello. (I parenti della moglie sono generalmente più assidui e graditi).

ONZA:
Sost. Oncia. Misura di peso. È megghio a portà no’ quintale ncapo ca’ n’onza nculo. – È megghio a tené n’onza re furtuna ca no quintale re sapienza. (Spesso, ahimé vale più la fortuna della cultura).

ORGANETTO:
Sost. Armonica a bocca.

ÒRGIA:
Sost. Gozzo, pappagorgia. Te pozza scenne ‘a orgia!

ORGIùTO:
Agg. e sost. Persona che ha il gozzo. Gozzuto.

òRIA (VòRIA):
Sost. Vento gelido, tramontana. ‘A òria rura nove iuorni: tre ghiuorni nasce, tre ghiuorni pasce e tre ghiuorni more.

ORRÀENA:
Sost. Borragine.

ORRAZZàTA:
Sost. Violento scroscio di pioggia.

ORTÀLE:
Sost. Località montefalcionese.

ÒSCO (VOSCO):
Sost. Bosco. Int’ ‘o vosco non se trova na frasca? (Si dice di qualcosa che non è possibile). – Volé ‘o osco chino e ‘a crapa sazzia (Volere la frittata senza rompere le uova). A fame caccia ‘o lupo ra ‘o vosco. – 2) Frazione di Montemiletto confinante con Montefalcione.

OSTIARULO:
Sost. ant. Vasetto in cui si conservano le ostie per la Messa.

OTTÀ (VOTTÀ):
V. Spingere. òtto, ottai, ottato.Otta’ ‘e mmano (Darsi da fare, affrettarsi). Otta’ a fa’ notte e botta’ a fa’ iuorno (Tirare a campare).
Otta’ ‘o munno pe’ l’aria – Otta’ ‘a preta e nasconne ‘a mano. – Si se otta a mare esce co ‘o culo chino re pisci (Si dice di persona molto fortunata). Usato nel significato anche di lanciare, buttare. – è usato anche nel significato di lanciare, buttare

OTTàTA (VOTTàTA):
Sost. Spintone, spallata. – Co na òttata, me fece carè nterra.

OTTA OTTA:
Sost. Parapiglia, rissa, confusione.

OTTÀZZO:
Sost. Botte piccola, bassa e panciuta.

OTTAZZUTO:
Agg. Basso e panciuto come una botte

OTTE (VÓTTE):
Sost. Botte. Fà cchiù miraculi na otte re vino ca na chiesia re Santi.

OVA: Sost. Uova. Ova mpriatorio (uova col pomodoro). – L’ova ca non se rompeno pe’ Pasqua non se rompeno cchiù. – ‘A iallina non fa’ mai doe ova.

ÒVE (VÒE) Pl. UOVI (VUOI):
Sost. Bue. Perde ‘o ove e ghì trovanno ‘e corna. (Perdere il capitale e cercare gli spiccioli).

OZZA (VOZZA):
Sost. Gozzo dei volatili. Non tené ozza ncanna. (Non avere peli sulla lingua).


















DIZIONARIO | A-B-C | D-E-F | G-H-I | L-M-N | O-P-Q | R-S-T | U-V-Z | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu