Cerca

Vai ai contenuti

LETTERA F

D-E-F

F


FA’: V. Fare. Fazzo, facietti, fatto (faciuto). Locc.: Fa’ ‘o paro e sparo (calcolare i pro e i contro). Fa’ a parte faticata (per farsi pregare). Fa’ l’amore (essere fidanzati). – Fa’ i purmùni fraciti (Sopportare). – Fa’ n’asciuta re quarto (v. asciuta). – Fa’ l’arte r’ ‘i pacci. – Fa’ veré i surici russi. – Fa’ tutto a Giesù e nienti a Maria (Fare particolarità). – Fa’ rint’a cap’e morte (v. Caporemorte). – Non facenno mancamento… (Senza offesa per chi è presente). – Fa’ bona giuvintù e male vecchiaia. – Fa’ ‘a male nottata e ‘a figghia femmena (si dice quando tutto va storto). – Fa’ na cosa co ‘e stintìna mbrazza (di controvoglia). – Fa’ male ncuorpo (si dice quando si è costretti ad accettare una spiacevole situazione). – Fa’ na cosa re iuorno (senza impiegarci troppo tempo). – Fa’ carne ‘e puorco (scialare, sollazzarsi). – Fa’ a chi Figghi e a chi Figghiastri. – Fa’ casa e chiesia. (essere dei baciapile). – Fa’ casa e potéa. - Fa’ bene e scorditi, fa’ male e piensici. - è fatto notte (sono cadute le tenebre della sera). Fa’ come sì fatto ca non è peccato. (Invito a rendere pan per focaccia). - Fatti ‘o cunto e bòtimi ‘o riesto. (Se rifletti bene su quello che ti dico, mi darai ragione). Fatti nculo. (Arrangiati. Peggio per te). - Quera non bo’ fa’ carte. (Non è disponibile, finge di non capire). – Fa’ ‘a visita re Sant’Alisabbetta (Trattenersi a lungo in casa d’altri. Secondo il Vangelo di Luca, la Madonna si trattenne circa tre mesi presso la cugina Elisabetta). – Fa’ caré ‘o core rint’ ‘e calzette (scoraggiare, far venir meno ogni speranza). – Provv.: Fa’ come sì fatto ca non è peccato. – Chi non se fà i cazzi sui co na lanterna va cercanno uai. – Non te fa’ ricco co chi te po’ fa’ povero e non te fa’ povero co chi non te po’ fa’ ricco. – Vale cchiù uno a fa’ ca ciento a commannà. – Si fai come rico io, te tratto come rici tu; si fai come rici tu, te tratto come rico io. – Chi fa’ ciento e non fa’ uno perde ciento co tutto l’uno. – Fattella co chi è megghio ‘e te e fanci ‘e spese. – Fa’ cchiù ‘a femmena co na parola ca n’omo co ciento fatti. – Chi bona razza vole fa’ co ‘a femmena adda accommenza. – ‘A fatica re Pulicinella: -“ Faaaciti!” –

FACCI:
Sost. Faccia, volto. Facci re cuorno. (Faccia tosta). – Facci re mpiso. – Prov.: Chi tene ‘a facci tosta s’ammarita e chi no resta zita. – Brutto re facci, bello re core. – Ringrazziamo a Dio co ‘a facci pe’ terra.

FACCIAFFRòNTE:
Sost. Confronto, dibattito tra due persone.

FACCISTUòRTO:
Sost. e agg. Brutta faccia. Persona antipatica.

FACCITUOSTO:
Sost. agg. Sfacciato, sfrontato. Prov.: Dui so’ i faccituosti: chi t’ ‘o cerca e chi non t’ ‘o ddà.

FAGLIÀ:
V. Rifl. Essere privo, mancare. Nel tressette indica una carta mancante o il palo nel quale non si possiedono carte. Fazzo tre assi e me faglia quiro ‘e renari. – Me faglia, me fagliao, fagliato. – Etim.: dallo spagnolo “fallar” (mancare).

FALLèPPOLA:
Sost. Fuliggine. Fiocco di neve. Etim.: dal tardo latino “faluppa” (pagliuzza).

FANGòTTO:
Sost. Fagotto. Pacco.

FAOCIÓNE:
Sost. Grossa falce dal manico lungo usata per tagliare il fieno. ‘O faocione: titolo di una poesia del poeta dialettale montefalcionese Arsenio Baldassarre.

FAOLàTA:
Sost. Specie di fava dai grossi baccelli.

FÀOZO:
Agg. Falso, bugiardo. Ipocrita.

FARFARIèLLO:
Sost. Folletto. Creatura fantastica di piccola statura, invisibile; la sua presenza era attestata dalle impronte delle sue grosse scarpe. Spesso vestito da monaco o da paggio, portava in testa un berretto rosso nel quale risiedevano tutti i suoi poteri. Frequentava luoghi appartati e solitari come soffitte, cantine, stalle. Si manifestava di notte rovesciando mobili, oggetti con un fastidioso rumore. Era in grado di trasformarsi in animale e si divertiva spesso nel far apparire e scomparire gli oggetti.

FARINA IONNA:
Sost. Farina di mais con cui si impastava una focaccia (pizza) che si accompagnava alla “menesta asciatizza”.

FARINàTA:
Sost. Polenta.

FARITIèLLO:
Sost. Cruschello. Alimento per maiali e galline.

FASCELLA:
Sost. Piccolo contenitore di vimini nel quale viene messo a stagionare il formaggio fresco.

FASCINIèLLO:
Sost. Piccola fascina di legna. No’ fasciniello re tacchiri.

FASSA:
Sost. Fascia. Criatura rint’ ‘a fassa.

FASSATùRO:
Sost. Pannolino streto e molto lungo con cui una volta si fasciavano i bambini. Prov.: Ancora non è prena e già spanne ‘o fassaturo (si dice di chi fa una cosa in modo prematuro). – Aierassera cacào ‘o fassaturo (riferimento ironico a chi non è più giovane).

FASTÌRIO:
Sost. Fastidio, seccatura.

FASTIRIùSO:
Agg. Importuno, noioso.

FASùLO (Pl. FASULI):
Sost. Fagiolo. Làene e fasuli. – Fasuli mpastati (fagioli amalgamati con la polenta). Antico piatto della cucina montefalcionese.

FATÀ:
V. Rifl. Augurarsi il bene. Me fato, me fatài, fatato. - Fàtati buono ca megghio te vene.

FATìCA:
Sost. Attività, lavoro. Prov.: Si ‘a fatica era bona ‘a faceveno puro i prieoti. - Fatìca, fatti arràsso ciento migghia e ciento passi. - Mparati na fatica (si dice di chi non fa altro che oziare e dare fastidio al prossimo). ‘A fatica r’ ‘e castagne r’ ‘o preote: scarse, toste e fràcete. ì ncoppa ‘a fatica (andare sul posto di lavoro).


FATICÀ: V. Lavorare. Fatìco, faticài, faticato. Chi troppo faticào int’ ‘o sacco s’atterrào, ma si non avesse faticato manco ‘o sacco se sarrìa trovato. - Cola fatica e Pizzicato mangia. (Chi semina e chi raccoglie).

FATICATòRE:
Sost. Lavoratore. Agg. Laborioso. Chi è buono faticatore non se more mai re fame.

FATTARIèLLO:
Sost. Aneddoto, fatterello curioso ed interessante.

FATTOMÌO:
Sost. Individuo egoista, furbastro e calcolatore. – Quiro se chiamo “Fattomio” (Si dice di chi pensa solo a sé stesso).

FàUCI:
Sost. Falce. Prov.: Giugno a fauci mpugno. – A San Giovanni ‘a fauci ncanna. - San Pietro pigghia ‘a fauci e mieti. (il 24 e il 29 giugno sono giorni dedicati alla mietitura).

FAUCIÀ: V. Falciare, mietere. Faocéo, fauciai, fauciato. 2) Ant. Guadagnare bene, in cassare prebende più o meno lecite. – ‘O paese re Montefaocione pare fatto a faucià: / Faocéa p’ ‘o Signore e pe’ chi cantina fa… (Arsenio Baldassarre).

FAUCIATòRE:
Sost. Mietitore. – 2) Pettegolo, maldicente.

FAùGNO:
Sost. Favonio, vento caldo del Sud. Etim.: dal lat. “Favonius”.

FAùLLO:
Sost. Pianta di fava o di lupino privata dei baccelli.

FAZZATÓRA:
Sost. Lungo recipiente di legno, di forma rettangolare in cui le massaie ponevano a lievitare l’impasto per fare il pane.

FEBBRàRO:
Sost. Febbraio. – Prov. Febbràro re vintotto quattuordici chiove e quattuordici iocca. (A Febbraio il cattivo tempo la fa da padrone) – Febbràro curto e amaro.

FÉCHETO:
Sost. Fegato. Loc.: Fa’ ‘o fecheto amaro. Dim.: FECATIELLO. Prov.: Puro ‘o fecatiello ‘e mosca fà sostanza!

FÈLE:
Sost. Fiele. Prov.: Chi tene mmocca fèle non po’ sputà mèle.

FÉLECE:
Sost. Felce. Pl. FÌLICI. Loc.I’ trovanno Cristo rint’i filici (cercare cose impossibili, assurde).

FèLLA:
Sost. Fetta. Quanno ‘o melone esce russo tutti ne vonno na fella. (Quando le cose vanno bene tutti ne vogliono approfittare). Dim.: FILLUCCIA.

FELLÀ:
V. Affettare. Fello, fellai, fellàto.

FELLàTA: Sost. Pietanza di salumi affettati.

FÉMMENA:
Sost. Femmina, donna. Prov.: ‘A femmena tene sette spiriti com’ ‘a iatta. – ‘A femmena è come ‘o tiempo re marzo: mo t’alliscia e mo te lassa. - Non c’è sàpeto senza sole, non c’è femmena senz’amore. – ‘A femmena tanno è bella quanno tene ‘o pane int’a sportella. (Se la donna ha una ricca dote diventa molto più bella). – Femmena ‘e chiesia riaolo ‘e casa.- Ogni bella femmena pecca a ‘o naso. (Non c’è donna che non abbia un piccolo difetto). – ‘O barbiere te fà bello, o vino te fà guappo e ‘a femmena te fà fesso. – Femmena corcata e arcotunno manteneno miezzo munno. – ‘A femmena è com’ ‘a campana: si non a scutulii non sona. (La donna deve essere tentata e sollecitata…). - Terra chiana e femmina corta so’ malamente a fotte. – ‘A femmena è com’ ‘o graóne: appicciata te coce e stutata te tenge. – Quanno ‘a moda rice ca è ora viri ‘a femmena co ‘a fessa ra fore. – ‘A femmena fece fessa a ‘o riaolo. (La donna ne sa una più del diavolo). – ‘A femmena è bona sulo p’ ‘a notte. – ‘A femmena non se corca c’ ‘o ciuccio pecché le strazza ‘e lenzóla. – ‘A femmena è com’ ‘a iatta: te rànceca propito quanno l’accarizzi. (La donna ti fa del male quando meno te l’aspetti).

FEMMENARùLO:
Sost. Donnaiolo.

FÉNGE:
V. Fingere, dissimulare. Féngo, fingietti, fingiuto. Prov.: Chi non sape fénge, non sape campa’ (Viene da pensare al trattato di Torquato Accetto “Della dissimulazione onesta”). – Chi cchiù capisce adda fénge (Chi ha maggiore buon senso in certe circostanze deve lasciar correre e far finta di niente).

FENòCCHIE (FINùCCHIO):
Sost. Finocchio.

FÈNZA:
Sost. Rete metallica per recintare campi e giardini. Rete di protezione.

FÈRA:
Sost. Fiera, grande mercato. Sagra. Prov.: Curri ‘a la fera ca ‘o fessa è già curruto (quando lo stupido va al mercato chi è furbo fa i migliori guadagni). - Fera chiena (giorno di grandi affari).

FERMATùPPO:
Sost. Grosso pettine per mantenere fermo il tuppo (v.).

FÉRME:
Agg. Robusto, solido, forte.

FERRÀ:
V. Mettere i ferri agli zoccoli dei cavalli. Fèrro, ferrài, ferrato.– 2) Ghiacciare. L’acqua è ferrata.

FERRACIùCCI:
Sost. Maniscalco.

FERRàRO:
Sost. Fabbro. Loc.: ‘A casa r’ ‘o ferraro non se trova no fierro! (Si dice di cosa incredibile o impossibile).

FERRATO:
Agg. Ghiacciato.

FERRAZZòNE:
Sost. Distesa d’acqua gelata. Lastra di ghiaccio.

FERRETTO:
Sost. Piccola forcina per mantenere in ordine i capelli.

FERZÓRA:
Sost. Tegame basso dal manico lungo per friggere i cibi. Dim.: FERZURIELLO. Etim.: dal tardo latino “frixoria”.

FESSA:
Sost. e agg. Stupido, cretino. Locc.: Fa’ ‘o fessa pe’ non ghì a uerra. (Fare il finto tonto). – Parlàmo no fessa ‘a vota. – Quant’è fessa ‘o fessa: fà ‘o pirito e s’ ‘a rire … - Prov.: Provole e presotta: è sempe ‘o fessa ca nce va pe’ sotta. – ‘A mamma re li fessa è sempe prena (gli imbecilli non smettono mai di nascere). – Tre so’ i fessa: chi sona ‘e campane a grolia, chi porta ‘a croce e chi tene na reccia int’a scarpa e non s’ ‘a leva .- ‘A legge è fatta pe’ li fessa (perchè i furbi sanno come eluderla). – ‘A raggione è de li fessa!- ‘O fessa è miezzo pane (perché alle sue spalle si trova sempre di che vivere). – Quann’è tiempo re votazziuni: no buono e no fessa, no fessa e no buono; roppo ‘e votazziuni: i fessa co i fessa e i buoni co i buoni. - I buoni fanno ‘a festa e i riritti se ne vereno bene. – Tanto fanno i fessa! (Si dice per beffare il giocatore che ha perduto per un solo punto). – ‘A carta è amante r’ ‘i fessa (forse il proverbio più popolare di Montefalcione …). – Sì luongo e fessa. – I fessa so’ sempe i primi ca se fanno nnanzi. - I fessa puro mparaviso vanno! – Pe’ chi è fessa non ce stà mmiricina. (I cretini sono irrecuperabili). – 2) Vulva, organo sessuale femminile. Prov.: È ghiuta ‘a fessa ‘mmano a ‘e criature! (È toccata una cosa a chi non sa che farsene). – Tira cchiù no pilo re fessa ca ciento para re uoi. – Diffusissima è l’imprecazione triviale: ‘A fessa ‘e màmmeta!. Etim.: dall’agg. lat. “fissus” (spaccato).

FÈTE:
V. Puzzare, emanare cattivo odore. Fèto, fitiètti, fitùto. Loc.: Uno puzza e n’ato fete (sono uno peggiore dell’altro). – Aria scura e fete re caso! (Così disse al padrone che gli chiedeva che tempo facesse quel servitore insonnolito che, invece di aprire la finestra, si affacciò nella dispensa dalla quale proveniva un forte odore di formaggio). – ‘A casa se chiama fata, e a te, te fete. - Chi nasce pe’ lo culo fete re merda fino a quanno more. – Quera carne ca fitìo non pote mai cchiù addorà. – ‘O puorco fete vivo e addora muorto, l’omo addora vivo e fete muorto, ‘a femmena fete viva e morta. – ‘O pesce fete ra la capo (Il cattivo esempio viene dall’alto).

FETÉCCHIA:
Sost. Flebile peto. – 2) Fa’ fetecchia (fare cilecca, fallire un obiettivo).

FETèNTE:
Agg. Puzzolente. Sost. Persona malvagia. Loc.: Stiemmo scarzi a fitienti. – Trasi feté, ca fore chiove!

FÈZZA:
Sost. Feccia. Sedimento del vino sul fondo delle botti. Loc.: Quanno ‘o vino è buono se veve fino a’ fezza.

FIACCHÌA:
Sost. Abulia, debolezza.

FIANCHèTTA:
Sost. Fianco del vitello o dell’agnello che si cuoce nel sugo, ripieno di uova, formaggio, salame, ecc. – Cima.

FICO:
Sost. Albero e relativo frutto. - Na chianta re fico. - Tre cose adda tené ‘a fico ammaturata: vesta re pezzente, cuollo re mpiso e lacreme re pottana. A Montefalcione si producono molte specie di fichi pregiati. Fico ottazza, fico zingarella, fico janca, fico ngannapastore, fico nèora, fico verdesca, fico Sant’Anna. - Loc.: Sta’ rint’ ‘e ffico ‘e Cicco (trovarsi a mal partito, stare ai piedi di Pilato). – O tutte fico o tutte mostazzelle (o la va o la spacca).

FICUCIELLO (o FICUOZZO):
Sost. Fico acerbo, duro e insapore.

FIERRO:
Sost. Ferro. Ferro da stiro, ferro per fare lavori a maglia, ferro per fare i fusilli. Pl.: FIERRI: Attrezzi dell’artigiano. Arrigghià li fierri (smettere di lavorare). – ‘O fierro s’adda vatte quanno è caoro. (Tutto quello che si rimanda è perduto). – ‘O male fierro o chieia ‘a mola.

FIERROFILàTO:
Sost. Sottile filo di ferro per legare o recintare.

FIERROVIECCHIO:
Sost. Ferro vecchio; oggetto in pessime condizioni.

FIETO:
Sost. Puzza. Peto silenzioso. Loc.: Sì no fieto re culo! – Ogni pazzia esce a fieto (Ogni bel gioco dura poco). – Che fieto re casillo … ramménne no zichillo (si dice di un ipocrita che disprezza negli altri quello che vorrebbe avere lui). – Quanno sienti ‘o fieto r’ ‘e cotogna a fuì non è breogna.

FIGGHIÀ:
V. Figliare, partorire. Figghio, figghiai, figghiato.

FIGGHIATA:
Sost. Figliata, cucciolata.

FIGGHIO:
Sost. Figlio. FÌGGHIMO, FÌGGHITO, FÌGGHIEMA, FÌGGHIETA, FÌGGHIMI, FÌGGHITI, FÌGGHIEME, FÌGGHIETE (mio figlio, tuo figlio, mia figlia, tua figlia, i miei figli, i tuoi figli, le mie figlie, le tue figlie). – Prov.: ‘O figghio muto ‘o capisce ‘a mamma. – Figghi picculi uai picculi, figghi ruossi uai ruossi. – Quanno ‘o figghio parla ‘o padre già ha parlato. – Addò chi no’ tene figghi non ce ì nì p’amore e nì pe’ cunzigli. – Si tieni figghi masculi non ghiorecà mariuoli, si tieni figghie femmene no’ ghiorecà pottane. – Quanno i figghi fotteno i patri so’ futtuti. (Perché ormai sono vecchi e con i loro acciacchi).

FILÀNGECA:
Sost. Filamento. Fibra che si stacca da alcuni cibi. Na filangeca re carne. – Sti’ curnicielli teneno tutte filangeche.

FILASCO (FALASCA):
Sost. Erba. Falasco.

FINIELLO:
Sost. Erba, fieno sottile. No saccone re finiello.

FIRÀ:
V. Rifl. Sentirsi bene. Essere in forze. Me firo, me firai, firato. Loc.: Non me firo (Non mi sento bene).

FISSAZZIONE:
Sost. Pensiero fisso, mania. – ‘A fissazione è pèo r’ ‘a malatìa.

FISSINIÀ:
V. Fare lo stupido, dare segni di imbecillità. Scherzare. Fessenéo, fissiniai, fissiniato. Loc.: ‘O tiempo fessenéa (non promette niente di buono).

FITINZÌA:
Sost. Sporcizia, porcheria. Merce di pessima qualità.

FITÙSO:
Agg. e sost. Cavilloso, suscettibile.

FIÙRA:
Sost. Santino, immagine sacra. Figura. – 2) Carta da gioco (donna, cavallo e re). – 3) Illustrazione di un libro o di una rivista. 4) Comportamento disdicevole o ridicolo. Gaffe. – Avìmo fatto na figura re merda.

FIURELLA:
Sost. Località montefalcionese

FOCàGNA: Sost. Focolare, caminetto. Propriamente: Canna fumaria. – Secondo antiche credenze, se si alzavano dal camino lunghe lingue di fuoco, c’era qualcuno che aveva gettato il malocchio sulla famiglia. Per scacciarlo si doveva spargere del sale sulle fiamme.

FOCARàCCIO:
Sost. Falò. La sera del 13 dicembre (Santa Lucia) a Montefalcione, i ragazzi allestiscono dei falò con la legna raccolta nei campi. Purtroppo, anche questa tradizione è quasi scomparsa.

FOLéTTE:
Località montefalcionese.

FÓNGA:
Sost. Specie di grosso fungo edule che nasce sul tronco di alcune piante.

FONTANATETTA:
Sost. Toponimo montefalcionese

FONTANELLE: Toponimo montefalcionese.

FONTANAROSA:
Sost. Fontanarosa, comune irpino i cui primi insediamenti umani risalgono all’epoca romana. Le notizie storiche di questo centro risalgono alla metà del sec. XII quando era possedimento di Roberto di Fantanarosa. Successivamente passò ai Gesualdo e fu poi acquistato nel 1672 da Antonio di Tocco, principe di Montemiletto.

FORBECIòNE:
Sost. Individuo maldicente. “Criticatore”.

FORCàTO:
Sost. Tridente per ammucchiare la paglia e il fieno.

FÒRE:
Avv. Fuori. – 2) Sost. Campagna: Soreta è ghiuta fore. – ‘O ffore mio (il mio terreno). Una volta, gli abitanti di Montefalcione si dividevano in “quiri re fore” (“i massariari”) e “quiri re rinto” (i “signori”).

FOREMÀNO:
Avv. Fuori mano, lontano.

FORETèRRA:
Avv. In un luogo molto lontano. All’estero.

FORMELLA:
Sost. Bottone non troppo grande, usato specialmente per camicie. Loc.: Pazzià a formelle (Giocare con i bottoni. Questo gioco, un tempo molto diffuso tra i ragazzi, è ora completamente dimenticato).

FORNACELLA:
Sost. Antica cucina a carbone.

FORNàRO:
Sost. Fornaio, panettiere.

FòRTE:
Sost. – 1) Pezzo di cuoio per rinforzare, irrobustire la parte posteriore della scarpa. – 2) Peperoncino piccante che accompagna molti piatti tipici.

FÓTTE:
V. Rubare. Arrecare un danno a qualcuno. Fotto, futtietti. Quiro se sente re fotte. (Gli rode, non gli va giù).

FRÀBBECA:
Sost. Fabbrica. Loc.: Ma che tengo, ‘a frabbeca? (Si dice a chi chiede sempre denaro in prestito).

FRABBECÀ:
V. Fabbricare, costruire una casa. Fràbbeco, frabbecài, frabbecato. Prov.: Chi frabbeca e sfrabbeca non perde mai tiempo. Si dice anche: FRAVECÀ.

FRABBECATORE (FRAVECATORE):
Sost. Muratore, manovale. Prov.: ‘O frabbecatore caca no poco pe’ parte e non appulizza mai a nisciuno pizzo. – ‘O masto fravecatore tenea na casa e ne voleva fà doe.

FRACCÒMMOTO:
Agg. ant. Persona pigra, abulica.

FRàCITO:
Agg. Marcio, fradicio. – 2) Sost. Individuo indolente che pensa solo a bere e mangiare: ‘A fatica r’ ‘o fracito se venne a caro prezzo. (Il lavoro di chi è pigro o incompetente costa caro).

FRACITùMA:
Sost. Fradiciume. Schifezza.

FRANFALLÌCCO:
Sost. Piccolo dolce di zucchero o miele. Vanitoso, vagheggino. Etim.: dal franc. “Franfeluche”.

FRÀOLA:
Sost. Fragola. Uva fraola.

FRÀOLO:
Sost. – 1) Flauto. – 2) Volg. Pene. Spesso i giocatori accompagnavano il conteggio dei punti nel gioco delle carte con la seguente filastrocca dal trasparente significato osceno: “Uno, rui, tre cancella maniammello sto fraolo ‘ e pella. ‘On Pipò, ‘on Pipò, contattelle ca sirici so’…”.

FRASCARIELLO:
Sost. Minuscolo gnocco a base di acqua e farina: si cucinava in bianco con olio, aglio e prezzemolo. Etim.: da “piccola frasca” per la somiglianza oppure dal latino parlato “frascàre” (fare a pezzetti).

FRATE:
Sost. Fratello. FRÀTIMO, FRÀTITO, FRATIMI, FRATITI (mio fratello, tuo fratello, i miei fratelli, i tuoi fratelli). Prov.: I frati stanno rint’ ‘o convento e ‘e ssole sott’ ‘e scarpe (di fronte agli interessi spesso vengono meno i rapporti di parentela).

FRATECUCÌNO:
Sost. Cugino.

FRàTIMO CUCìNO
: Sost. Mio cugino.

FRàTITO CUCìNO: Sost. Tuo cugino.

FREBBÀRO:
Sost. Febbraio. Prov. Febbraro curto e amaro.

FRECCIA:
Sost. Specie di piccola fronda costituita da una forcella di legno alla quale era legato un elastico (molla). In un tempo, ormai lontano, ogni ragazzo ne possedeva una per lanciare sassi, specialmente agli uccelli.

FRECéTOLA:
Sost. Beccafico. Loc.: Na botta roe fracetole (Due piccioni con una fava). – Etim.: da “ficetum” (Luogo di fichi, di cui questo uccello è ghiotto).

FRéCOLA:
Sost. Briciola. Loc. Na frecola (un poco, un pezzettino). – Penza’ ‘a frecola (essere avari, gretti). – Ra’ na frecola p’avé na panella (dare poco per avere molto).

FRECOLàRO:
Agg. e sost. Persona avara, che bada anche alla briciola.

FRÉGNA:
Sost. e agg. Stupido, fesso, ingenuo.

FREVE:
Sost. Febbre. Loc.: Misurà ‘a freve.

FRICIENTO:
Sost. Comune irpino di origine romane (I sec. a. C.). Sede vescovile dal 1061 al 1818. Etim.: dal lat. “frigentum”, (territorio freddo).

FRICULIÀ:
V. Imp. Piovere leggermente, quasi inavvertitamente. Frecolea, friculiao, friculiato. Piovere leggermente, quasi inavvertitamente.

FRIDDO:
Sost. Temperatura invernale: ‘O friddo noce a li viecchi.‘O friddo rura tre ghiuorni. - Agg.: Freddo. - Naso freddo. – Pieri freddi.

FRIDDULìZZO: Sost. Brivido di freddo.

FRIDDULùSO:
Agg. Freddoloso, che soffre molto il freddo.

FRISCHIÀ:
V. Prendere il fresco, spec. durante le sere afose d’estate. Freschéo, frischiai, frischiato. Loc.: Moséra se freschéa (Questa sera fa fresco).

FRìSCO:
Sost. Temperatura fresca. - Pigghià ‘o ffrisco. – Mette ‘e spalle a ‘o ffrisco (morire). Agg.: Fresco. - Vino frisco.

FRìTTOLA:
Sost. Pezzettino di lardo di maiale fritto e reso croccante. Si mangia con le patate lesse oppure impastata nella pizza di granone. Molto diffuso è il consumo, nei periodi invernali, del “Torteno co’ ‘e frittole”.

FRIVE:
V. Friggere. Frivo, frivietti, fritto. Loc.: A ‘o frive sienti l’addoro. – Frive ‘o pesce co l’acqua (fare le nozze con i fichi secchi). – Co n’uocchio frive ‘o pesce e co n’ato uarda ‘a iatta (si dice di chi è strabico).

FRÒIA:
Sost. Capriccio, voglia. – 2) Moina.

FROIùSO:
Agg. Capriccioso, smorfioso.

FRÓNNA:
Sost. Ramo, frasca, fronda. – 2) Foglia molto grande (na fronna re fico).

FRÓTECE:
Sost. Arbusto, ramoscello. ‘O frótece se vere quanno scoppa. (Il buongiorno si vede dal mattino).

FRùLO:
Sost. Filo di ferro ricoperto per metà di polvere pirica; a Natale si accendeva davanti al presepe e sprizzava scintille dorate a forma di stelline. – 2) Piccolo botto preceduto da un sibilo.

FRùMIRI:
Sost. Flumeri, comune dell’Irpinia sorto in epoca normanna; la prima attestazione storica risale agli inizi del XII sec. Etim.: dal lat. “flumer”. La località è sita infatti nelle vicinanze del fiume Ufita.

FRUNGìLLO:
Sost. Fringuello, piccolo uccello canoro dell’ordine dei Passeriformi. – 2) Persona ingenua e inesperta. Vittima designata. Nel gioco d’azzardo, pollo da spennare.

FRUSTàGGENA:
Sost. Frustagno. Stoffa ruvida e resistente. Etim.: dal latino medievale “fustàneum”.

FRUSTALLÀ:
Inter. Verso usato per scacciare il gatto.

FUFFULùSO:
Sost. e agg. Chi parla farfugliando, senza farsi capire. Smorfioso.

FUÌ:
V. Fuggire. Fùio, fuietti, fuiùto. Prov.: Tre cose fanno fuì l’omo ra’ la casa: fieto, fumo e femmena arraggiata. - Ogni cane ca fuje sape i fatti sui. (Ognuno conosce le ragioni del suo comportamento).

FUìNA:
Sost. Faina. Persona furba, o anche veloce, svelta.

FUIùTA:
Sost. Fuga di due fidanzati per costringere i rispettivi genitori a dare il consenso alle nozze. Qualche volta, i due fuggivano segretamente d’accordo con le famiglie che non erano in grado di sostenere le spese di un regolare matrimonio. Infatti, dopo la fuga le nozze si celebravano in forma molto più modesta.

FULìNIA:
Sost. Fuliggine.

FUMÈCA:
Sost. Fumo denso e fastidioso. Est.: Locale affumicato.

FUNA:
Sost. Fune, corda. Co na funa ncanna (per forza, controvoglia).

FUNGIO (Pl. FUNGI):
Sost. Fungo. Ogni carne mangia e ogni fungio fuggi (Dei funghi bisogna sempre diffidare). – Chi more co i fungi, ‘o cchiù fessa è quiro ca ‘o ciange.

FUNICIELLO:
Sost. Cordicella. Si t’hanno prumittuto ‘o purciello, curri subbito c’ ‘o funiciello. (Le occasioni favorevoli vanno prese al volo).

FUNNIèLLO:
Sost. La parte dei pantaloni che copre il sedere. Est.: Toppa che si applicava sul didietro dei pantaloni rotti.

FUòRFICI:
Sost. Forbici. Fuorfici re puta. (Cesoie per potare le piante).

FUOSSO:
Sost. Fosso. ì affini’ rint’ ‘a no fuosso.

FURBICIÀ:
V. Tagliare con le forbici. – 2) Spettegolare, mormorare alle spalle. Forbecèo, furbiciài, furbiciato.

FURCìNA:
Sost. Lunga asta di legno con la punta biforcuta per appendere o tirare giù qualcosa dal soffitto o dall’armadio.

FURIèSTICO:
Sost. e agg. Persona scontrosa, intrattabile (si dice anche di un gatto, un cane, ecc.). – 2) Estraneo, spaesato.

FURINO:
Sost. Forino, comune irpino di epoca longobarda menzionato per la prima volta in un atto notarile dell’869. Feudo degli Orsini, dei Cecere e dei Caracciolo. Etim.: Secondo Carla Marcato dal lat. “Fur, furis” (furfante, ladro).

FURMÌCA: Sost. Formica. Quanno ‘a furmica vo’ murì mette ‘e scelle. (Si dice di chi si comporta con imprudenza e impulsività).

FURNO:
Sost. Forno. Chiacchiere a bocca ‘e furno so’ cunzumo ‘e frasche (Si dice di discussioni inutili che lasciano il tempo che trovano).

FURTUNA:
Sost. Fortuna. Toponimo di Montefalcione. Fonzo sta re casa ncopp’ ‘a Furtuna!

FUTTISTERIO: Sost. Situazione ambigua e confusa nella quale ognuno cerca di arraffare quanto più gli è possibile.

FUTTùTO: Agg. Rovinato, danneggiato. Tené ‘o stòmmeco futtuto.










DIZIONARIO | A-B-C | D-E-F | G-H-I | L-M-N | O-P-Q | R-S-T | U-V-Z | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu