Cerca

Vai ai contenuti

LETTERA E

D-E-F

E


‘E:
Art. Le. ‘E patane, ‘e cirasa, ‘e purmarole.

ÈBBRECA:
Sost. Epoca, era. ‘A l’ebbreca re tatone. (Ai tempi di mio nonno).

ÉLLERA:
Sost. Ant. Edera, erba rampicante.

EMBÉ:
Avv. Ebbene. E allora (usato sia in senso interrogativo che esplicativo).

ENNÀRO:
Sost. Gennaio. Detto anche IENNARO.

ÉNNECE:
Sost. Uovo messo in un posto ben preciso per indicare alle galline il punto in cui devono deporre le uova.

èO:
Ant. pron. pers.: io. Etim.: dal latino ego.

ERETÀLE:
Sost. Ditale.

èREVA:
Sost. Erba. Prov.: Co l’ereva moscia ognuno s’appulizza ‘o culo (tutti approfittano di chi è debole o troppo buono). – Non lassà l’ereva nasciuta pe’ quera c’adda nasce ancora (è meglio l’uovo oggi che la gallina domani). - A sto paese, mal’acqua e mala gente, puro l’èreva è malamente! (Frase attribuita a un montefalcionese che, moltissimi anni fa si recò una sera a Candida in occasione della festa di San Filippo Neri. Quivi, mentre espletava nei campi un urgente bisogno fisiologico, fu sorpreso da una violentissima pioggia e si pulì inavvertitamente con delle foglie di ortica). – Loc.: Jì’ trovanno èreva pe ciento cavalli (essere incontentabili, accampare pretese assurde). – Mette tenna a l’èreva verde (essere capace di tutto). Stornello antico: “Ereva mortella, si me vuò bene rammi na rosa, si me vuò male fammi na chiaia …”.

EREVAREMURO:
Sost. Pianta medicinale che nasce sui muri. Erba vetriola.

ERMÀNO (IERMÀNO):
Sost. Segale. Pane re ermàno. Etim.: dal lat. “Frumentum Germanum” (frumento proveniente dalla Germania).

ÉRMECE (Pl. ìRMICI):
Sost. Embrice. Tegola di terracotta che copre la sommità delle abitazioni.

ERMECÈRA:
Sost. Fabbrica di tegole e mattoni.

ERNA:
Sost. Edera.

ÉSCA:
Sost. Sostanza arida, secca. Pietra focaia.

ESCETÀ (IESCETÀ, SCETÀ):
V. Rifl. Svegliarsi. Me ésceto, me escetài,. escetato. Prov.: Chi vo’ ì nculo a ‘o vicino se corca priesto e se ésceta matino- Prov.: Chi se ésceta pe’ primo se veve ‘o latto. (Chi primo arriva primo macina).

‘E sguingio: Loc. avv. Obliquamente in modo tortuoso.

ÈSSE:
V. Essere. Pres. ind.: Io sóngo, tu sì, isso è, nui sìmo, vui sìti, issi songo. Loc.: èsse no uaio re notte. – èsse no muorto re fame. – èsse na pasta re mele. – èsse canosciuto com’a sette renari (essere conosciuto negativamente da tutti). – èsse tagghiato co l’accetta (avere pochi pregi e molti difetti). – èsse re messa cantata (essere vestito con ricercata eleganza). – Esse na galletta ‘e Castiellammare. (Essere un tipo poco affidabile). – Esse cchiù fetente re na recchia ‘e confessore. – Esse na palla re sivo (essere troppo obesi).Fut.: sarraggio. Cond. pres.: sarrìa. - Prov.: Pe’ esse ricchi nce vo’ o na bona nascita o na bona ncornatura.

‘E STRAMACCHIO:
Loc. avv. Di nascosto fuori dalle regole.

ÉTA:
Sost. Bietola.

EVITàNTE:
Agg. Attaccabrighe. Provocatore. Persona sfrontata e pedulante dalla quale è prudente stare lontano.










DIZIONARIO | A-B-C | D-E-F | G-H-I | L-M-N | O-P-Q | R-S-T | U-V-Z | HOME | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu